Carlo Goldoni
Componimenti poetici

SONETTI SACRI

PREDICA XXVIII   Del rispetto alle Chiese. Gl’irriverenti nelle Chiese peccano

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XXVIII

 

Del rispetto alle Chiese.

Gl’irriverenti nelle Chiese peccano

 

1 Di temerità, offendendo la maestà del Signore, che vi risiede come Padrone.

2 Di ingratitudine, offendendo la beneficenza del Signore, che vi risiede come Padre.

3 Di stoltezza, offendendo l’equità del Signore, che vi risiede come Giudice.

 

SONETTO

 

Temerario, non basta a’ rei dissegni

Tutto il resto del mondo? Ove in maestoso

Trono risiede il Creator glorioso,

Giugni a far pompa de’ costumi indegni?

Gira l’occhio d’intorno, e i santi pegni

Mira dell’amor suo; quivi pietoso

I penitenti accoglie; e qui nascoso

dona in cibo; e qui disarma i sdegni.

Ma quivi ancor dell’onor suo geloso

Contro il profanator di sacre mura

Tien di Giustizia il Tribunal Supremo;

E chi da sua follia reso orgoglioso,

Nol rispetta Signor, Padre nol cura,

Giudice il temerà nel giorno estremo.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License