Carlo Goldoni
Componimenti poetici

SONETTI SACRI

SONETTO RITRATTO

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SONETTORITRATTO

 

Occhi belli, più bei della bellezza;

Fronte, del Dio d’amor spaziosa piazza;

Naso, maschio real della fortezza;

Bocca, più dolce assae de una smeggiazza;

Petto, più bianco d’ogni altra bianchezza,

Ondeselle d’un mar che xe in bonazza;

Vita dretta e zentil, come una frezza;

Fianchi, pan de botirro, o sia fugazza;

Man, puina zentil, che alletta e piase;

Penin, fatto col torno, o col scarpelo;

Gamba, d’un bel zardin colonna e base:

Quel che vedo, ben mio, xe tutto belo.

Son pittor, son poeta, e me despiase

Che de più no so far col mio penelo.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License