Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

CANZONETTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

CANZONETTA

 

Idolo del mio cuor,

Ardo per vu d’amor,

E sempre, o mia speranza,

Se avanzael mio penar.

Vorria spiegar, o cara,

La mia passion amara;

Ma un certo no so che...

No so, se m’intendè,

Fa che non so parlar.

Quando lontana ,

Quando no me vedè,

Vorria, senza parlarve,

Spiegarveel mio dolor;

Ma co ve son arente,

No son più bon da gnente.

Un certo no so che...

No so, se m’intendè,

Me fa serrar el cuor.

Se in viso me vardè,

Fursi cognosserè

Quel barbaro tormento,

Che sento — in tel mio sen.

Dissimular vorria

La cruda pena mia;

Ma un certo no so che...

No so, se m’intendè,

Ve dise: el te vol ben.

Mio primo amor vu se,

E l’ultimo sarè,

E se ho da maridarme,

Sposarmevôi con vu;

Ma, cara, femo presto..

Vorave dir el resto,

Ma un certo no so che...

No so, se m’intendè,

No vuol che diga più.

Peno la notte e el di

Per vu sempre cussì.

Sta pena (se ho da dirla)

Soffrirla — più no so.

Donca, per remediarla,

Cara, convien che parla:

Ma un certo no so che...

No so, se m’intendè,

Fa che parlar no so.

Sento che dise amor:

Lassa sto to rossor,

E spiega quel tormento,

Che drento — in cuor ti gh’ha.

Ma se a parlar me provo,

Parole più no trovo,

E un certo no so che...

No so, se m’intendè,

Pur troppo m’ha incantà.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License