Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

SONETTO FINALE DI PANTALONE TUTORE

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SONETTO FINALE DI PANTALONE TUTORE

 

Mi tutor no son stà de quella razza

Che scortega e tradisce i so pupili;

Che a forza de pretesti e de cavili

In tel sangue innocente i se sbabazza.

Oh quanti ghe ne xe che magna e sguazza,

In materia d’onor poco sutili:

Ma al strenzer de le strope, oh quanti stili!

No i sa quel che i se diga o che i se fazza.

Manizar bezzi el xe un mistier che piase,

Ma la roba dei altri scota e brusa,

E mai col cuor no la se gode in pase.

Tutori, no stè a far quel che se usa:

Perché se adesso la conscienza tase,

Un no ghaverè tempo, scusa.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License