Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

CANTO DEL STRAZZARIOL

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

CANTO DEL STRAZZARIOL

 

Chi ha drappi vecchi,

Chi ha cuori d’oro vecchi da vender?

 

El xe qua el strazzariol

Che farà quel che el puol

Per vender e comprar,

E anca per barattar;

Ma nol xe cussì matto

De far tristo baratto.

El vende roba netta,

E nol la vol sporchetta;

D’assae nol se ne incura,

Ma el vol roba segura,

Che se possa esitar,

O almanco nolizar.

Ma prima de comprarla.

El vorrà visitarla.

 

Chi ha drappi vecchi,

Chi ha cuori d’oro vecchi da vender?

 

Son qua, patrona bella,

Ghe venderò anca a ella.

Basta che la comanda,

Gh’ho un non so che da banda.

Per chi xe de bon gusto,

Ghe venderò un bel busto,

Che dove gh’è mancanza,

Fa parer abbondanza.

Ghe darò una carpetta

Coi fianchi de stoppetta:

La se confida in mi,

Za tutte fa cussì.

So quel che ghe bisogna,

E no le se vergogna.

 

Chi ha drappi vecchi,

Chi ha cuori d’oro vecchi da vender?

 

De mi la xe parona,

E se gh’ho roba bona,

E se gh’ho roba bella,

Tutta la xe per ella.

Ma se la gh’ha qualcossa

Che comodar me possa,

No la la tegna sconta,

Che la monea xe pronta.

Ghe darò più che posso,

Contratterò all’ingrosso.

Me basta in carneval

Salvar el capital.

Stufarla no vorria,

Chiappo su, e vago via.

 

Chi ha drappi vecchi

Chi ha cuori d’oro vecchi da vender?

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License