Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

CRITICA DEL FILOSOFO INGLESE Commedia del dottor Carlo Goldoni, fatta da S. E. Sig.r Giorgio Baffi, diretta a S. E. Sig.r Ferdinando Toderini.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

CRITICA DEL FILOSOFO INGLESE

Commedia del dottor Carlo Goldoni, fatta da S. E. Sig.r Giorgio Baffi,

diretta a S. E. Sig.r Ferdinando Toderini.

 

Quella Commedia, amigo, del Filosofo Inglese

Che à fatto a tante teste mirabili sorprese,

A vu, che per lodarla ve capo de squadra,

Ve parlo schiettamente, a mi no la me quadra.

Cossa ghe xe de bello che fazza innamorar?

Qua no ghe xe accidenti, gh’è poco da imparar;

Ma quel che più de tutto m’à affatto desgustà,

Xe che in quei so caratteri no ghe xe verità.

Un Filosofo Inglese se me propone in scena,

E po sto gran filosofo el se conosce appena.

Che azion falo de bello? a dirla, mi vorria

Qualcossa che spiccasse la so filosofia;

Ma che passion se vede che ‘l gh’abbia raffrenà?

Perché nol se marida, nol giera innamorà.

Mi vedo che ‘l se inquieta, che ‘l s’agita da bon,

Col far quella parlada che ‘l par un Ciceron;

Vedo che ‘l s’avvilisse, e vedo che ‘l se scusa;

E chi perdon domanda, d’aver fallà s’accusa;

Più tosto el chiamerave un maestro, un precettor,

 Che va per i regali qua e a far el dottor.

El fa po quel discorso d’effluvi e d’attrazion,

Che in tutta sta Commedia xe forse el meggio e ‘l bon.

Ma, come che a un filosofo s’aspetta e ghe convien,

Me par che sto argomento nol lo rissolva ben.

Vorria che ‘l me provasse ne l’attrazion scambievole,

Se allora possa el lume dell’omo ragionevole.

La scena della vedoa xe un poco interessante,

Quella che col maestro la se palesa amante;

Ma quel so amor, appena ai occhi el ne apparisce,

Che ‘l fa come fa un lampo, che subito sparisce.

Alla mattina, in somma, la è tutta innamorada;

E po, co xe la sera, ghe passa la mattada;

Più altro non se parla de sta so gran passion,

E tutti sti so amori va per traspirazion.

Se parlo del Milord, el me despiase un mondo

A véderlopigro, sì stabile e sì tondo,

Co l’è in furor a segno che in fin la spada el cava,

E a quattro el resta co è una rava.

El ghà un amor ardente fin dopo el mezzo zorno,

E po, co xe la sera, nol ghe ne pensa un corno.

Ghe trovo po in sta azion la gran improprietà,

Che un omo che xe in furia, resta cussì incantà.

Un omo, col xe in collera, el xe fora de lu,

E la rason allora no ghe laora più;

Che se sta forza avesse la ose de fermar,

Nessun, co se xe in collera, se poderia mazzar.

Parlemo un poco in cattedra dei altri do caratteri,

De quei che in Inghilterra vien chiamadi Quaqueri.

Oh! questi si xe belli, i xe do capi d’opera!

E pur i fa l’intrezzo de tutta sta bell’opera.

Co mi de veder credo do onesti omeni boni,

Me vedo su la scena do furbi, do baroni.

Se ben no se saveva de’ Quaqueri el costume,

Da Volter se doveva andar a prender lume.

Se me dirà, m’aspetto che in tutte le nazion

Ghe n’è de boni e tristi, e in ogni religion;

Ma quando che un carattere se ghà da presentar,

Se rappresenta el genere, e no el particolar.

Questi per odio indomito i manca assae de fede,

E po de sto gran odio la causa no se vede.

In somma, come ho dito, no ghe xe verità,

Ghe xe dell’implicanze e delle improprietà.

Questa no xe Commedia, l’è una desertazion;

I altri po caratteri no ghà correlazion.

Che se anca no i ghe fosse, l’azion ch’è principal

No perderave gnante del so gran capital.

No digo che non sia uno de’ bei spettacoli,

Ma parlo perché sento a far sti gran miracoli.

I versi xe ben scritti, ghe xe dei erudimenti,

Ma gh’è delle freddure, e i versi no è seguenti.

De più poderia dir, ma no vôi seguitar,

Perché da vu mi bramo sentirme a confutar.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License