Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

ALTRA RISPOSTA del Signor Gasparo Gozzi in lingua veneziana alla critica di S. E. Baffo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ALTRA RISPOSTA

del Signor Gasparo Gozzi in lingua veneziana alla critica

di S. E. Baffo.

 

Come anderà più avanti el Teatro nascente,

Se ai poveri Poeti ghe ficchè adosso el dente?

Aspettava la scena d’aver el so decoro,

Giera prima Venezia a darghe sto restoro;

El popolo correva, el batteva le man

Al bon seme chiappà, che cresceva pian pian.

Ma con che forza adesso poi metterse un inzegno

Se ghe stè drio la coppa per menar zoso el legno?

So che se dise: — Oh bella! chi comanda che tasa?

 Chi no vol sentir gnente, se sconda, e staga a casa;

Pago i mi diese soldi, e l’entrar della porta,

De poder parlar schietto el gius anca me porta. —

No xe vero; una cossa co l’altra no à da far,

Do traeri ve gius de veder e ascoltar;

El gius de criticar, un gius onesto e giusto,

No lo diese soldi, ma el saver, e1 bon gusto.

Chi sa delle Commedie el ziro e l’artifizio,

Nel Filosofo Inglese vede che no gh’è vizio.

El carattere è bello, e un omo el ne dessegna

Che al mondo el vero frutto della dottrina insegna;

Né l’autor ha preteso che filosofo el sia

Perché nol se marida; no gh’è sta bizzaria.

Ma un filosofo ai occhi dei omeni el presenta

Che cognosce el so stato, che boria no l’ostenta.

S’el se scusa d’un fallo che ghe vien imputà,

Domandando perdon squasi per carità,

No l’incolpè per questo; l’è un omo d’esperienza

Che benissimo intende tutta la so innocenza;

Ma el sa però che sempre le povere persone

Colle potenti e ricche deve andar co le bone;

El sa star in quel grado che el Cielo ghe prescrive,

Della società i patti nol turba dove el vive.

Né questo è veramente piccolo insegnamento,

Perché ghe n’ha bisogno nonantanove in cento.

Pur troppo, per sto mondo, chi sa quattro acche sole,

Va duro come un palo, e sgionfa le parole.

De tutti quanti i altri el crede esser in cima,

De nobiltà, de sangue, de gnente nol fa stima,

El Filosofo Inglese, col so parlar modesto,

N’ha insegnà quanto basta, se el ne corregge in questo.

— Ben! Ma po del Milord l’incostante costume?

Incostante? Eh, l’esame femo ben colla lume.

— L’ho fatto. Ogni momento el se mua de parer,

El xe istizzà, l’è quieto: qual donca è el so pensier?

Xelo bon? xelo tristo? pacifico? iracondo?

Fra ste tante muanze lo chiamo un omo tondo.

Adasio. Fora occhiali, e sto Milord vardemo:

No ghò ben, se più chiaro alfin nol cognossemo.

L’è de fondo stizzoso, subito el chiappa fogo,

Co la rason ghe parla, la collera logo.

Come un libro xe fatto apponto el cuor dell’omo,

L’è diviso in più parte, diviso in più d’un tomo;

La passion xe el primo, el secondo rason,

E cussì un omo solo pol esser tristo e bon:

Bon per meditazion, e tristo per natura;

E no xe bona in scena forsi una tal figura?

Anzi la xe da scena. La collera perversa

Che vol distruzzer tutto, che a tutto s’attraversa,

Che bestemmia, che mazza, l’è un vizio troppo brutto,

La se odierà in commedia, se l’è odiada per tutto;

No xe mai da commedia i vizi troppo fieri,

Ma i ridicoli soli, i mezzani e i lezieri.

Donca Milord Vambert sopporto fin che ‘l sbrufa,

Perché so che rasen nol lassa far barufa;

E no lo chiamo rava, se quando el xe più acceso,

Lo vedo alle parole d’un omo savio arreso.

— Come? Quando el xe in furia? Co l’ha cava la spada,

E co l’ha squasi in aria el brazzo e la stoccada,

Un Milord istizzà come un alocco resta?

El Milord no xe alocco, l’è una persona onesta.

Un Cavalier, ch’è tal anca de sentimenti,

Che à nobili i pensieri quanto el sangue e i parenti,

Falo un’azion de rava se ‘l lassa de ferir

Un che no se defende, che xe per morir?

Un che presenta el petto, un che la man no move,

Che solo ha per so agiuto filosofiche prove?

Lode Milord, lodelo, ch’el se lassa domar;

El fa quel che un onesto cavalier deve far.

Se del so amor parlemo, l’è ardente, impetuoso,

El lo fa furibondo, el lo fa sospettoso;

Ma l’è tal fin ch’el spera; tolta via la speranza,

L’insegna ch’in amor s’ha da cambiar usanza.

Cossa voleu ch’el fazza? La donna ghe fa un patto

Che, se più el la volesse, lo stimerave matto.

No se pol dir ch’amor per questo più nol senta;

Ma impossibile strada solo che più nol tenta,

Che nol vol una donna senza amor, senza affetto,

Una donna scontenta che lo tol per despetto.

El strenze i denti, el cede. Co se sente quei patti,

No pol andar più avanti altro che i cani e i gatti.

Chi cussì scrive, insegna. Ma semo avezzi adesso

Che ne piase in Commedia l’amor che va a l’eccesso;

Volemo che el produga dei casi stravaganti,

Insonii, strambarie, spade, veleni e pianti,

In soma, co no gh’è la maravegia estrema,

Solamente salvada all’epico poema,

La Commedia se sprezza, e subito se sente:

Qua no ghe xe accidenti, qua no se impara gnente.

No dubitè, che presto tornerà sulla scena

Del Loiola sepolto la statua che va a cena:

Vederemo in tre ore un putto nato in cuna,

Cressù, fatto terror dell’ottomana luna,

Liberator del pare in oscura preson.

Torna Lopez de Vega, e torna Calderon.

Ghe andemo sì, ghe andemo per quella storta strada,

E za stanno la scena xe mezza inspagnolada.

Co stidea de bellezze fora del natural,

So che della Brindè l’amor anderà mat,

E xe assai se lodemo che el so amor delicato

In un cuor virtuoso, e per la virtù nato,

Con tal grazia se spiega, e tal sostenutezza:

Xe assai ch’el so spiegarse al Maestro s’apprezza.

El resto ne sparisse, perché un gentil affetto

No cria, no in le smanie, no vol andar in letto.

Ma chi con occhi fini esamina i dissegni,

Vede d’un gran incendio fin in ultima i segni.

El protegger con caldo el so ben in pericolo,

El sprezzar un Milord, per lu, xelo amor piccolo?

El donarghe el so aver, conservar vedovanza,

Ve prova in una donna l’amor Brando abbastanza.

E ve prova de più che l’inzegnoso autor

Con gran delicatezza tocca i tasti del cuor.

No stimo i taglialegne, che a un mestier grosso avvezzi,

Butta colla manera un zocco in mille pezzi,

Che se i poi, i segonda col cuònego la vena,

Se i trova groppi i rompe con bracci, magio e schena.

El so lavoro alfin ha da servir al cuogo:

Se no ghe xe finezza, no importa, el va sul fogo.

Xe ben degno de lode chi con un bon cervello

Sa manizar con arte e con grazia el scarpello,

E che d’un legno grezo fa con sutil intagio

Puttini, erbe, fioretti, che par nati de magio;

Questi se onora e stima, e per i appartamenti

Nobili i se riceve per nobili ornamenti.

Perché no fa in poesia sto gusto la raise?

Ah, che fioli d’Apollo tutti se stima e dise.

Xe invalso quel proverbio che poeti se nasce;

Se vol esser poeti, per sta sentenza, in fasce.

Ma chi no xe informà de quel che ghe convien,

Certo de sto mestier no pol giudicar ben.

E dei oblighi spesso al Poeta se taca,

Che no à che far co starte un bezzo, una pataca.

— Dei Quaccheri el costume che cerca sull’istoria? —

Del comico Poeta questa no xe la gloria;

Vardo solo in natura: co imbrocco l’apparenza

Del vero, a mi me basta, questa è la mia incombenza.

Concedo che sta setta, nel so viver austera,

Sia piena de virtù stravagante e severa;

Ma se pol dar che in mille d’austera religion

Ghe sia chi finger sappia col cuor tristo e baron?

Che della pietà santa el mantello el se meta?

Col se pol dar, pol anca imitarlo el Poeta.

Ma disè: — Co un carattere s’ha da ripresentar,

Se rapresenta el genere, e no el particolar. —

Quando el Molier ha fatto l’Amalà imaginario,

Chi mai s’à imaginà, per parlarghe in contrario,

De dir che quel carattere el general no giera,

Ma quel dei veri infermi che ghà cattiva ciera?

Che per metter in scena el vero, el general,

D’amaladi el doveva meter un ospeal?

I malai no è da scena, perché i move a pietà;

I Quaccheri da ben burlarli no è onestà;

Basta che dar se possa che un tristo ghe ne sia,

Che su questo ghà gius la comica poesia.

Un solo ch’abbia un vizio, in teatro fa effetto,

E general deventa d’un solo anca el defetto,

Perché naturalmente nel cuor dei ascoltanti

Gh’è occulta la semenza dei vizi tutti quanti.

Rason, lege, virtù, ghe tagia ben la forza,

Ma quel fogo sepolto affatto no se smorza;

E basta che el Poeta batta ben do falive,

Che per i palchi tutti le lesche se fa vive,

E general deventa allora la pittura

Per quella intelligenza comun della natura.

— Ma questi per gran odio i manca assae de fede,

E po de sto gran odio la causa no se vede. —

Poche parole basta. Del bon nemigo el tristo

Per invidia e superbia sempre al mondo s’ha visto.

El falso ha in odio el vero per natural costume,

La talpa volentiera del sol smorzeria el lume.

Emanuel Pluch e Panich per impostura regna,

Contra la verità per natura i se sdegna.

I altri personaggi, per muar el capitolo,

Tutti nella Commedia entra con giusto titolo;

E quanto molti fili tirai d’un ordimento,

Coi altri che la spola scorrendo lassa drento,

Se liga, e forma insieme la tela unita e stretta,

Tanto fa quei attori la Commedia perfetta.

Chi nel Milord fa nascer sospetto e mette briga,

Chi, senza saver gnante, el sospetto destriga,

Chi protegge Giacobbe, chi lo vuol veder morto,

Se no gh’è relazion fra ste cosse, ghò torto;

E tutti uno con l’altro i caratteri in guera

Se rissalto insieme, ché questa è l’arte vera.

Più bello par Giacobbe de quei strambi al confronto,

La Vedova e la Saisson de vista fa un bel ponto.

Lorin, quanto el filosofo povero e bisognoso,

No xe quanto el filosofo modesto e virtuoso.

E po dell’uman corpo nella fabrica varia,

Ghe xe pur qualche parte che no par necessaria;

Ma no xe necessario solo quel che vita,

Quel che grazia forma la macchina compita.

Delle palpiere i peli, e delle cegie l’arco

Tirè via, resta el viso un spegazzà san Marco.

Par superflui i cavelli, vive anca chi se rada,

Ma no gh’è bella donna colla zucca pelada.

Quel ch’è vero superfluo in Tragedia e in Commedia,

Xe veramente quello che fa dormir, che tedia;

Come saria una troppo longa ressoluzion,

Che sora l’argomento se vol dell’attrazion.

No è fatta quella scena per trattar argomenti,

Ma perché la Brindè spiega i so sentimenti;

E quando del so affetto per sta via vegno in chiaro,

No m’ha da importar gnente si ben altro no imparo.

De più so che un teatro publico no comporta

Che a certe question garbe se ghe averza la porta.

Onde lodo l’Inglese col dise curto e presto:

Ghe xe el libero arbitrio. La v’ha da bastar questo;

E dell’Autor insieme lodo l’economia,

Che a tempo, e quanto basta, mette filosofia.

Cussì fa chi sa l’arte, l’arte che tanto costa,

De dar nel genio a tutti, strussiando da so posta.

Ma cossa val stillarse applicando el cervello,

Se poco se cognose da quel ch’è brutto el bello?

Tanto gh’è alla Pamela, tanto al Molier concorso,

Quanto se i mola i tori, quanto se i mola l’orso.

Anzi che al fin del conto i spropositi resta,

E dopo do tre anni stufa una bona testa.

De incontrar ben, Poeti, voleu la vera norma?

No doperè el compasso, squara più, forma.

Insoniève la notte, l’insonio cussi grezo

Presentè sul Teatro; pensè mal, scrivè pezo.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License