Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

IN OCCASIONE CHE SUA ECCELLENZA LA SIG. ANGELA MARIA RENIER VESTE L’ ABITO RELIGIOSO NEL NOBILISSIMO MONISTERO DI SANTA CATERINA PRENDENDO IL NOME DI MARIA GIOVANNA,  AURISBE TARSENSE A POLISSENO FEGEIO   CANZONE IN LINGUA VENEZIANA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

IN OCCASIONE CHE SUA ECCELLENZA LA SIG. ANGELA

MARIA RENIER VESTE L’ ABITO RELIGIOSO NEL NOBILISSIMO

MONISTERO DI SANTA CATERINA PRENDENDO IL NOME DI MARIA GIOVANNA,

 AURISBE TARSENSE A POLISSENO FEGEIO

 

CANZONE IN LINGUA VENEZIANA

 

Sta volta ve gh’ho in trappola,

De qua no me scampè;

Fora le vostre chiaccole,

Fe presto e respondè.

A Parma no in opera,

qua, fresco e san,

Se me trovessi indegole213,

Ve manderia lontan.

L’argomento è novissimo,

So ch’el ve piaserà:

Per una che va munega,

Aveu mai più cantà?

M’aspetto che responderme

Voggiè strenzendo i denti:

Semo alle cose solite,

Coi soliti argomenti.

Sempre ghe vol sta sonica?

Sempre s’ha da cantar?

Per sposalizi e muneghe

M’ho da decervelar?

Sior sì, bisogna subito

Tor la chitarra in man;

Sonarghela e cantarghela

Toscana, o in venezian.

Sta volta, torno a dirvelo,

El caso è differente.

Sta putta che me stimola,

La xe una mia parente.

Questo xe il primo debito;

Ma a dirla tra de nu,

Me stimola e me obbliga

Qualche rason de più.

La xe sta santa zovene

Fia de Daniel Renier.

Ah? doveressi intenderme;

omo del mistier.

Savè chi el xe in Repubblica,

Savè quel che l’ha fatto;

Se no l’avessi in pratica,

Ve fazzo el so ritratto.

El gh’ha una mente lucida,

Un intelletto pronto,

Che tutto rende facile,

Che presto arriva al ponto.

El sa le cose serie

Trattar con precision,

E po grazioso e lepido

El xe in conversazion.

Amigo sincerissimo,

De cuor e de bon fondo,

Che cerca, che desidera,

Far ben a tutto el mondo.

Temperamento fervido

Che parla e che par bon,

Che va talvolta in collera,

Ma mai senza rason.

L’ha scomenzà da zovene

A vederghe pochetto,

Ma ai occhi che xe deboli

Supplisce l’intelletto.

A comandar giustissimo,

Prontissimo al dover,

In casa soa filosofo,

E sempre cavalier.

Fatto el ritratto in piccolo,

Più a sguazzo, che a pastela,

A vu ve lasso el merito

De insoazar la tela214.

Del padre coll’immagine

Piena de fantasia,

Se me presenta al spirito

La lode delta fia.

So che la xe assae zovene,

So che la xe assae bella,

So che la gh’ha del merito,

Ma la lo sconde in cella.

Le zoggie, i merli, i abiti

Ricchi, no la i vol più;

La li ha portai pochissimo,

La ne li lassa a nu.

A nu, povere femene,

Che al mondo andemo drio

Co la caena indomita

Dei fioli e del mario.

Semo servìe dai omeni

Un poco in zoventù;

Co passa l’età zovene

Nissun ne varda piú.

Quanto xe meggio el bavaro

In vece del toppè!

Quanto val più la tonega

Dei cerchi e l’andriè!

Studiemo a farse un abito

Rosso, celeste, o bianco.

Per el vestir le muneghe

Le gh’ha un pensier de manco.

Su via, sior pastor arcade,

Lodè sta mia zermana215,

Che vol le carne tenere

Coverzerse de lana.

Ma no fe miga el comico,

Come che solè far,

No vegnì via con critiche,

Che no le gh’ha da intrar.

No stessi a dir che un spirito

Ghe xe che va per tutto;

Che anca in tal panno ruvido

Se vede el bello e el brutto.

Perché tra quelle vergini

Vestie da penitenza,

El meggio no xe l’abito,

Ma el cuor che gh’ha prudenza.

Lassemo star ste frottole,

Salvèle per la scena,

No manca sul proposito

Materia per la vena.

Voleu, come solito,

Far che le rida ancora?

Andemo al parlatorio

Con qualche salta-fora.

Questo, el savè, xe el termine

Che gh’ha quel regaletto,

Che fa la sposa in ultima,

El zorno del banchetto.

Femose onor, provemose

De comparir cusì.

A vu ve dago debito,

Lo fazzo intanto mi.

Salta fora con spirito,

Musa, vôi che cantemo;

Ma no cantar spropositi,

Ti sa dove che semo.

Sì ben; son contentissima,

La novità xe bella:

La xe una cossa insolita,

Dirò un’indivinella.

« Mi so che ghe xe un albero

Piantà in tun bel zardin,

Che sul ramo medesimo

Gh’ha un pomo e un limonzin ».

L’aveu sentìa? spieghemela.

L’albero è cognossù.

I spiriti a capitolo :

Sior Polisseno, a vu.

 

 





p. -
213 Cabale, invenzioni, scuse.



214 Di formar la cornice al quadro.



215 Cugina.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License