Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

RISPOSTA AD AURISBE TARSENSE DI POLISSENO FEGEJO

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

RISPOSTA AD AURISBE TARSENSE DI POLISSENO FEGEJO

 

Aurisbe, Aurisbe, el diavolo

Ve torna a stuzzegar;

Vole, troppo onorandome,

Farme precipitar.

Ah se Cornante216 el penetra,

Me aspetto una desfila.

De do Poeti in collera

Voleu ch’el mondo rida?

Se ai primi versi, in furia

El s’ha mostrà a tal segno,

Ste grazie replicandome,

Cossa farà el so sdegno?

Son mi quel poveralbero,

Quella pianta mal nata217,

Dove poteo nel cortice

Scriver la Ninfa ingrata.

Quante minaccie orribili,

Sconzuri, imprecazion!

L’ho letta la pindarica

Terribile canzon.

E mi, che son tra i Arcadi

Più timidi e negleti,

Ho da aspetar el fulmine

Dal nume dei Poeti?

Ma zito, che su l’ultimo

De la canzon sonora

Più mansueto e tenero

Torna Comante ancora.

Pien de furor poetico

Sui lidi della Parma,

Aurisbe lo fa docile,

Aurisbe lo disarma.

El cuor, l’impegno e l’obligo

Vol che risposta renda:

Se va Comante in collera,

Aurisbe me difenda.

M’avè toccà in tel debole,

Co m’avè dito in prima

Che a un novo tema avevimo

Da esercitar la rima.

De novità son avido,

Le cerco in ogni fonte,

E ho per le cose insolite

Rime felici e pronte.

Ma inteso delle muneghe

El solito argomento,

M’ho sentìo per le viscere

El sangue in movimento:

Come un bambin che spasema218

Vedendo el buzzolà219,

E el sente dal reobarbaro

El dolce amareggià.

Ma po meggio inoltrandome,

Lezendo i vostri versi,

Ho dito: Anca in sto genere

I casi xe diversi.

M’à consolà moltissimo,

Vero cusì e ben fatto,

D’un cavalier che venero

El nobile ritratto.

Ma se m’avè el carico

D’averlo a insoazar220,

So le mie Eorze, e dubito

L’immagine guastar.

Pur de la tela al margine

Farò un breve contorno,

Una soaza semplice

Mettendoghe d’intorno.

El cavalier magnanimo

Protegge i letterati

Col spirito, coll’animo,

Col cuor dei Mecenati.

amante delle lettere

L’è sol per complimento,

Ma el stima le bell’opere

Per genio e per talento.

Delle virtù dell’anima

Conoscitor perfetto,

Co la costanza el supera

Ogni più vivo affetto.

Onde del cuor medesimo

Staccandose una parte,

A Dio, che la desidera,

La dona e la comparte.

A el fa el sacrifizio

Padre in amor contento...

Son qua; son sul proposito;

Vegnimo all’argomento.

Canto, Aurisbe, con giubilo

La vergine prudente,

Che piena xe de meriti,

Che xe vostra parente;

Canto la sposa amabile,

Che forme ha sì leggiadre;

Xe oggetto dei mi cantici

La fia d’un sì gran padre.

Quella che ’l mondo misero

Cognosse, e lo detesta,

Che in Paradiso ai anzoli

Moltiplica la festa.

In età fresca e tenera,

Adorna de bellezza,

La sprezza i propri comodi,

La lassa ogni ricchezza.

La scambia in una tonega

Le veste più pompose,

La preferisse a ogni abito

Le lane religiose.

La sa, la sa la pratica

Del mondo adulator.

La sa che xe nei omeni

Volubile l’amor.

E savia e costantissima

De cuor, come de mente,

Un sposo la desidera

Che l’ama eternamente.

In tante e tante femmene

La vede el pregiudizio

De tuti quei disordini

Che genera el caprizio.

Dei quai, co passa el termine

D’un breve godimento,

No resta che i rimproveri,

La smania e el pentimento.

Beltà del sesso fragile

Xe un fior de primavera,

Che la mattina è in credito,

Che se trà via la sera.

E se talvolta el spirito

Supera la beltà,

Pochi cognasse el merito,

Tutti va drio all’età.

Ma se vardemo all’anima,

Questo xe quel bel fior

Che anca in età decrepita

Spira soave odor.

No per el mondo stolido,

No per el mondo rio,

Ma per le sante Vergini

Che se riposa in Dio.

Ve par che sia stil comico

Indegno del convento

Quel che me inflama el spirito

Sul nobile argomento?

Anzi me par che al metodo

Fora del mio costume,

Estro m’accenda insolito,

E che m’assista un nume.

E el venezian vernacolo,

Col qual parlo e respondo,

De sentimenti enfatici

Xe carico e fecondo :

Podendo la dolcissima

Facondia veneziana

Con el vigor dei termini

Far fronte alla toscana.

Son un Poeta scenico,

Ma so nel tempo istesso

Dar a virtù e1 so merito,

E far giustizia al sesso.

E qua nell’ammirabile

Scena del sacro chiostro

Una tragedia al popolo

Scrivo, figuro e mostro.

Ecco: s’alza el sipario.

Chi xe el protagonista?

Una virtuosa vergine

Del Cielo a la conquista.

Chi forma nell’epitesi

Le prove e i testimoni?

Chi forma l’epissodio?

I anzoli e i demoni.

Chi modera, chi accelera

El corso dell’azion?

Chi forma la catastasi?

I affetti e le passion.

Quale xe la catastrofe

Felice e portentosa?

L’attrice memorabile

Con Dio s’ha fatto sposa.

Abbandonando el secolo

La lassa infin le chiome,

E la se scambia i abiti,

E la se scambia el nome.

Vedo destarle in lagreme

Tutta l’udienza umana;

Sento criar el popolo:

Viva Maria Giovana.

L’azion xe granda e tragica,

Però de lieto fin;

Dell’incruenta vittima

Ministro Amor divin.

Dei spettatori in circolo

La vergine xe ancora.

Aurisbe dilettissima,

Vegni col salta-fora.

Diseghe in parlatorio,

Dopo un’azionbella,

Per rallegrar i spiriti

La vostra indivinella.

Colla virtù poetica

Mi spiegherò il mistero;

Son anca mi un fatidico

Interprete del vero.

Indivinella è un termine

Bassissimo e volgar;

Ma el vostro xe un enigma

Difficile a spiegar.

« Mi so che ghe xe un albero,

Piantà in un bel zardin,

Che sul ramo medesimo

Gh’ha un pomo e un limonzin. »

Sento che el Dio d’Anfrisia

M’accende el cuor in petto,

Che me solleva e illumina

La mente e l’intelletto.

Sì, sì, la pianta fertile,

Che strolegar m’ha fatto,

Xe el cavalier medesimo,

Aurisbe, del ritratto.

El bel terren dell’Adria,

D’eroi zardin fecondo;

Xe la felice Patria

Che l’ha prodotto al mondo.

E i frutti de do specie,

El limonzin e el pomo,

Xe do sorelle amabili,

Prole d’un sì grand’omo.

Una è la santa munega

Eletta per la cella,

L’altra la cara e tenera

Dolcissima Isabella.

Una, pomo odorifero

De santo amor fecondo,

L’altra d’amor fruttifero,

Sugoso per el mondo.

Al ben del matrimonio

Gh’è qualche mal congionto,

E el limonzin subacido

Spiega le nozze in ponto.

La spiegazion difficile

Xe un sforzo dell’inzegno,

Che se perdona al strolego

Se nol ha in tel segno.

 

 





p. -
216 Il celebre abate Frugoni



217 Furori poetici ecc.



218 Qui s’intende che lo desidera avidamente.



219 Ciambella.



220 Incorniciare. Di dovergli far la cornice.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License