Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

LA COSTA DI ADAMO Stanze in occasione delle felicissime nozze fra Sua Eccellenza il Signor Giacomo Zambelli e la Nobil Donna Contessa Caterina Giovannelli.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

LA COSTA DI ADAMO

Stanze in occasione delle felicissime nozze fra Sua Eccellenza il Signor

Giacomo Zambelli e la Nobil Donna Contessa Caterina Giovannelli.

 

Vorrei dir cosa, che probabilmente

Detta ancora non siasi in prosa o in rima.

Ma è difficile molto, e par niente

Si possa dir, che non sia detto in prima.

In materia di nozze specialmente

Si è pescato finor da fondo a cima

Tanto e tanto nel mar dell’invenzione,

Ch’ella è per noi una disperazione.

Mertano queste nozze singolari

Che de’ poeti uniscasi il drappello,

E daglingegni peregrini e chiari

Di Parnasso si sfiori il buono e il bello.

Io de’ primi non posso andar del pari,

Pure m’ingegnerò col mio cervello

Rendere almen colla poeticarte

Qualche antico pensier novello in parte.

Dal chiaro sangue dell’illustri sposi

Prender non voglio il facile argomento.

Già dai vati facondi e valorosi

Per questa parte commendar li sento.

Taccio il nome degli avi gloriosi,

Ché tant’alto non giugne il mio talento,

Né mi curo parlar della ricchezza,

Ch’è il minor ben che da virtù si apprezza.

Offremi largo campo e somma lode

La beltà, la virtù della consorte,

E dello sposo generoso e prode

L’animo grande, generoso e forte.

Ma questo è quel che tutto giorno s’ode

Suonar d’intorno all’apollinee porte,

E sentendosi ognor ridir lo stesso,

Quel che un giorno piacea, dispiace adesso.

Se in occasion di monache e di spose

Una Raccolta capita alle mani,

Cercan tosto le genti curiose

S’entro vi sian componimenti strani.

Scritto avran penne d’uomini famose,

Di poeti sublimi e veterani;

Se qualche novità non balza in scena,

Il sonetto miglior si legge appena.

E quanto costa un buon sonetto, e quanto

Facilmente si critica e si sprezza!

Di far buoni sonetti io non mi vanto;

E la mia Musa ad altro stile avvezza.

Scrive alla buona, e pur di tanto in tanto

Da gente di buon senno si accarezza,

Non per lo stil bassissimo ed ingrato,

Ma per qualche pensiere inaspettato.

Voi, generosa, nobile Placidia,

Voi dello sposo illustre genitrice,

Per sì belle virtù degna d’invidia,

In questo nostro secolo infelice;

Voi nemica dell’ozio e dell’accidia,

(Se favor sperar mi lice)

Degnatevi coprir col vostro manto

Della Costa d’Adamo il nuovo canto.

So qual amor, so qual diletto avete

Per le cose sublimi e peregrine;

Ma ancor io so che compatir solete

Della mia Musa le opere meschine.

Mia protettrice da gran tempo siete;

Per onor mio l’ho risaputo al fine,

E con l’umil rispetto a voi dovuto

Questo canto nuzial v’offro in tributo.

Deh l’accolga sereno il vostro ciglio

Pel merto no dell’inesperto autore,

Ma per quello del vostro inclito figlio,

Di cui canto il novel pudico ardore.

Voi, che deste la mano ed il consiglio

In cotal opra con materno amore,

In grazia del piacevole soggetto

Tollerate cortese ogni difetto.

So che una lunga prefazion noiosa

Pizzica un pocolin di seccatura,

E pur devo prepor quest’altra cosa,

Prima d’entrar nella materia oscura:

La Musa mia d’interpretar non osa

Le carte della biblica scrittura,

E non ardisco trapassar la meta

Che al filosofo lice, ed al poeta.

Quando il Signor Iddio nell’ampio suolo

Creato ha l’uomo, e l’animò col fiato,

A lui, che male gli parea star solo,

Una donna in compagna ha destinato.

Fecelo addormentar, poi senza duolo

Una costa cavandogli da un lato,

Formò quella bellissima fattura,

Che degli uomini al cuor bella ancor dura.

Ambi fur poi dal Creatore istesso

Due spirti in una carne dichiarati;

D’una stessa natura in vario sesso,

In un tempo divisi e coniugati;

E fur da Dio con un comando espresso

L’umana specie a propagar chiamati,

E  nel comando, che da lor s’intese,

Tutto il genere umano Iddio comprese.

Quel che ho detto fin qui, non v’è cristiano

Che non lo sappia, e che non dica: è vero.

Ora a dire verrò di mano in mano

Dove intenda condurvi il mio pensiero.

Se, per Eva formare, Iddio sovrano

Trasse una costa al genitor primiero,

Uomini tutti, esaminate il fianco,

Una costa ciascuno abbiam di manco.

E della costa di cui l’uomo è privo,

(Stante al cenno primier, che tutti abbraccia)

Giudico sia formato un corpo vivo

Pari ad Eva nel sesso, e nella faccia.

E se un sogno non è quello ch’io scrivo,

Di che forse talun mi sgrida e taccia,

Nel vasto mondo al numero maschile

Andrà sempre del pari il femminile.

occorre dir che falso è il mio pensiero,

 Che più donne vi sieno fra di noi.

Pria d’asserir ch’io non m’apponga al vero,

Convien sentir le levatrici, e poi

Calcolar si dovrebbe il mondo intero,

Nei quattro lati dei confini suoi.

Tutto il genere uman, com’io diceva,

Ha l’origine sua da Adamo ed Eva.

Per esempio la costa d’un Francese

Ritrovar si potrebbe in Inghilterra,

E se moglie diventa di un Inglese,

Vivranno sempre fra di loro in guerra.

Felice l’uom che per destin cortese

La propria costa in qualche parte afferra!

Sento a dir da talun: Gesù e Maria,

Dov’è andata, Signor, la costa mia?

Chi può saperlo, ve lo dica. Adamo

Ebbe figli dell’uno e l’altro sesso;

Si diviser le genti in più d’un ramo

Della terra il governo a lor commesso.

Buoni e tristi vi furo, e noi sappiamo

D’Abel la morte e di Cain l’eccesso,

Onde fino d’allor confuse e miste

Fur le coste animate, e buone e triste.

Ma convien dir che in numero maggiore

Fossero i parti di quel seme immondo,

Onde acceso di sdegno Iddio Signore

Mandò il diluvio a sterminare il mondo.

Vide solo Noè, che aveva il cuore

Dalle colpe comuni illeso e mondo.

Egli e i tre figli suoi nell’arca entrati,

Salvi fur colle spose accompagnati.

Sperar doveasi che nell’arca eletta

Scelte in tutta la terra otto persone

D’una sola famiglia benedetta,

Fosser tutte innocenti e tutte buone;

Ma convien dir che qualche costa infetta

Fossevi in quella pia generazione,

Poiché Japhet e Sem fur benedetti,

E i figliuoli di Cham fur maledetti.

Rinnovato da questi il mondo allora,

Furo i buoni coi rei confusi e misti,

E per disgrazia si conserva ancora

Il seme rio de’ Cananei più tristi.

E se talun che la consorte adora,

Della moglie si dolga e si contristi,

Convien dir ch’ei da Sem sia derivato,

E da Cham della donna il cuore ingrato.

Questo, signori miei, questo è l’arcano

Che amor verace e simpatia si chiama.

Quel che la costa sua non cerca invano,

Con lei sta in pace, e si consola, ed ama.

A Dio si raccomandi ogni cristiano

Che di nozze felici ha onesta brama.

Il Creator, cui niuna cosa è nuova,

Sa la costa d’ognun dove si trova.

Io, per esempio, son più volte entrato

Di maritarmi nel fatale impegno.

In più parti la costa ho ricercato,

E ho voltato d’Amor sossopra il regno.

A Genova dal Cielo alfin guidato,

La mia costa conobbi a più d’un segno.

Son degli anni che meco ella dimora:

Contento il feci, e son contento ancora.

Facil per altro è l’ingannarsi in questo,

Ch’è soggetto ad errar lo spirto umano.

Con amore scorretto e disonesto

La sua costa trovar si spera invano.

Non vorrei che servisse di pretesto

Al costume moderno oltramontano

Dir: la costa ch’io cerco, ho ritrovata.

Ché più vostra non è, s’è altrui legata.

Se siete in libertà, Dio vi concede

Fra le donzelle di cercar la sposa;

Cercate chi vi serbi amore e fede,

Non la vaga, la vispa e la vezzosa.

Se l’uomo saggio nella donna vede

L’inclinazione alla virtù ritrosa,

Se contrari pensier ravvolge in testa,

Dica: La costa mia non sarà questa.

Quel Consiglier che il nostro ben procura,

Si vis nubere, dice, nube pari.

Se non si può nell’esterior figura,

Di sangue almeno, e di virtù sien pari.

Aver si dee principalmente cura,

Non sieno i sposi di costumi vari;

Ma entrambi d’un egual temperamento,

Abbian pari le voglie ed il talento.

Se saran tutti due di genio buono,

Quella pace godran che a tutti preme.

Se collerici entrambi e alteri sono,

Impareranno a compatirsi insieme.

Ma se l’uom cerca della quiete il dono,

E se la donna orgogliosa freme,

Finché dura la vita e il matrimonio,

Saranno in lite, e vi sarà il Demonio.

Non dico già che moderar non vaglia

L’uomo e la donna il suo temperamento;

Ma quantunque virtude in lor prevaglia,

Dovran le voglie uniformar con stento.

L’amor proprio sovente il cuore abbaglia,

La passione resiste al buon talento,

Ed invano sopporta e invan contrasta,

Chi la sposa non ha della sua pasta.

Sia benedetto e ringraziato il Cielo,

Questi due sposi dalla sorte uniti,

Pari nel santo amor, pari nel zelo,

E pari ancor nei meriti infiniti,

Chiaro fan trasparir, come da un velo,

Che dal sangue miglior son ambi usciti:

Jacopo ha l’alma alla virtù disposta,

E la sua Caterina è la sua costa.

Amano tutti due l’onesto e il vero;

Han della vanità nemico il cuore:

Serbano entrambi un animo sincero,

Solo inclinato all’opere d’onore.

Vidersi appena, il faretrato arciero

Ambi accender li feo d’eguale ardore,

E scuotendo Imeneo la chiara face,

Gli occhi parlano agli occhi, e il labbro tace.

Né solo in essi egualità si trova

Di costumi, di genio, e di pensieri;

L’eccelse nozze maggiormente approva

L’eguaglianza del sangue e degli averi.

Adria esulta felice, e in sé rinnova

L’alta speranza de’ suoi vasti imperi,

Aspettando da loro in pace e in guerra

Figli in mar poderosi, e saggi in terra.

Quante figlie usciran belle e vezzose

Della madre gentil dal sen fecondo,

Saran tutte d’eroi coste famose

D’eroi sol nate ad arricchire il mondo.

E Dio, che tutto l’avvenir dispose

Col suo voler, col suo saper profondo,

Sposa destina al figlio suo primiero

Una costa degnissima d’impero.

Ite, sposi felici, or che declina

In ver l’cccaso l’odierna luce.

Ecco l’ora, signor, che s’avvicina:

Al tuo fianco la costa Amor conduce.

Figlia, no, non tremar; Dio ti destina

Ad opra tal, di cui natura è il duce.

Ite, sposi felici, ed osservate

Il precetto divin: Moltiplicate.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License