Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

TERZETTI IN LINGUA VENEZIANA per le nozze di Sua Eccellenza il signor Jacopo Benzon colla nobil donna Elena Memo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

TERZETTI IN LINGUA VENEZIANA

per le nozze di Sua Eccellenza il signor Jacopo Benzon colla nobil donna Elena Memo.

 

L’ultimo del mese dei meloni221,

Al solito sentà al mio taolin222,

Sento una ose a dir: Ghe xe el Goldoni?

No i me lassa mai star. Mo che destin!

Ghe respondo: el ghe xe, coi denti stretti,

Mastegando la penna un pochettin.

Se i me vegnisse a domandar sonetti223,

Digo drento de mi, sia chi se sia,

Ghe rispondo de no senza rispetti.

Ghe n’ho fatto abbastanza in vita mia,

No so più cossa far, né cossa dir;

No ghe ne fazzo più, la xe fenia.

Che che non è224, me vedo a comparir

Sior Francesco Pitteri225 scalmanà226,

E el me dise: Ve prego a compatir,

Caro sior Carlo, se son vegnù qua

A desturbarve in tempo che scrive.

El se senta, el se suga, el chiappa fià227.

Cossa veleu? cossa xe sta? parlè.

El me scomenza a dir che un zentilomo228

Da mi lo manda, e nol vuol dir chi el xe.

Subito ch’ho sentio sto primo tomo.

Digo drento de mi: l’ho indivinada,

O nozze, o monestier, da galantomo229.

Ei dise: V’ho da far un’imbassada,

Ma da parte de chi no ve lo digo:

Fursi lo saverè per altra strada.

So che ste cosse le ve xe d’intrigo,

E a tanti che me sta commission

Ghe respondo: nol pol; cusì me sbrigo.

Ma non posso cavarme230 in sta occasion;

Se tratta de servir, caro sior Carlo,

Un vostro generoso e mio paron231.

Stavolta, in verità, bisogna farlo;

Feme un capitoletto, o un sonettin.

Cossa diseu? Mi stago , e no parlo.

Vedo ch’el tira fora un bolettin,

Ch’el me varda in tel muso232, e che pian pian

El me lo petta 233 sul taolin.

Senza responder gnente el togo in man.

E al nome d’una Memo e d’un Benzon,

Subito me consolo, da cristian234.

Sior Francesco, ghe digo (e scambio ton)235.

Ste nozze le me mette in allegria,

Sfadigar me vorria per parer bon.

Ma una Commedia, che no xe fenia,

Me occupa intieramente, e un de sti

A redosso me vien la Compagnia236.

Son cusì stracco che non posso 237.

Se avvicina l’autunno e el carneval.

E tutti quanti se confida in mi.

Più tosto che dir poco e che dir mal

De ste do case, de sti do novizzi,

Dirghe la verità xe manco mal.

Goldoni xe intrigà in ti so pastizzi238.

Se el podesse, gramazzo239, el lo farave;

Per i patroni l’anderia sui stizzi240.

In tun’altra occasion me inzegnerave

(Seguito a dir) de stuzzegar la rima,

De far quattro terzetti o quattro ottave.

Ma gh’ho tanto rispetto, e tanta stima

Per sta casa Benzon, per casa Memo,

Che ghe vol tempo da pensarghe in prima.

A tor la penna me confondo e tremo,

Disemola, compare241, tra de nu.

Questi i marita assae, no se burlemo242.

Caro, el mio caro ben243, disèlo vu,

Se per lodar sta sorte de Fameggie

Ghe vorave sie mesi, e ancora più.

Xe fenio el tempo delle maraveggie244.

Una volta podeva in quattro

Far tante cosse da inarcar le ceggie245.

Adesso, amigo, no la xe cusì.

Semo debotto della botta al fondo,

E ghe penso e sfadigo ancora pi246,

E per questo me perdo e me confondo,

Sentindo dei Benzoni le memorie

Cusì famose e strepitose al mondo.

M’arrecordo aver letto nell’istorie

Che, de Crema signori e de Milan,

I ha avudo in Lombardia guerre e vittorie.

E in tempo ai nostri zorni assae lontan,

Sta FAMEGGIA s’ha unito per onor

Al supremo Conseggio venezian;

Dove l’ha sempre conservà el valor

Dei so primi parenti, e in terra, e in mar,

Omeni produsendo de gran cuor.

Tra i quali ho sentio tanto a decantar

Zorzi Benzon, nel secolo passà,

Che s’ha visto in armada a comandar;

 Che nave, che galere ha governà,

Del regno de Morea Proveditor,

       Capitan de Vicenza e podestà.

 E dei Memi savè quanto splendor

A sto Paese derivar s’ha visto,

  Pieni de gloria e de paterno amor.

 Sior Francesco Pitteri, no resisto

Al numero dei Dosi e Senatori;

  Le mie forze conosso, e me ratristo.

 Sento che me disè: Se dei maggiori

No ghavè tempo de lodar i vanti,

  Ai novizzi pensè, cantè de lori.

 Mo no vedeu, che a metterme davanti

Un novizzo e una sposa de sta sorte,

 Xe un dir: férmete , no andar avanti?

 Cosa voleu che diga de un consorte

 Pien de tante virtù, de glorie tante,

 D’animo grando generoso e forte?

 E d’una sposa dell’onesto amante

 Savia, bella, gentil, cossoi da dir

 Mi, povero gramazzo, in tun istante?

 Bisogneria, per farme comparir,

 Che gh’avesse del tempo in abbondanza,

 Ma appena ho principia, s’ha da finir.

 Amigo, lo vedè, no gh’è speranza.

 Andè dal Cavalier, per carità,

 E per mi domandeghe perdonanza.

 Vu no me volé dir chi v’ha manda;

 Ma se el xe quello che me dise el cuor,

 So che el xe un Cavalier pien de bontà247.

 Diseghe, in nome d’un so servitor,

 Che conoscendo de non esser bon,

 Resto pien de vergogna e de rossor.

 E quel che no faria per sto patron

 (Se el xe quel che m’immagino ch’el sia),

 No faria per nissun, da quel che son248.

 Sior Francesco Pitteri xe andà via,

 Mezo contento e mezo desgustà,

 Promettendo de far la parte mia.

 Spero che quel che ho ditto el ghe dirà;

 Ma per bona memoria in un fogiazzo249

 Tutto quel che ho resposo, ho registrà.

 Voggio poder mostrar, mi poverazzo250,

 Che no xe stà per sparagnar fadiga;

 Che quando posso, el mio dover lo fazzo.

 E voggio che se sappia, e che se diga,

 Per sti Sposi novelli el mio rispetto.

 Prego Dio che i consola e benediga

 In chiesa, in casa, e finalmente in letto.

 

 





p. -
221 Il mese d’agosto.



222 Tavola su cui si scrive.



223 Qui per sonetti s’intende ogni sorte di componimento per monache o per nozze, poiché in tali occasioni, chi domanda, domanda ordinariamente un sonetto.



224 Tutto ad un tratto.



225 Quell’onoratissimo stampatore, che ha lasciato degna memoria al mondo del suo talento e delle sue amabili qualità personali, e che ha stampate molte opere dell’Autore, specialmente i dieci tomi delle sue commedie, intitolati il Nuovo Teatro Comico del Goldoni.



226 Riscaldato.



227 Si asciuga, e prende fiato.



228 S’intende un Nobile Veneziano.



229 Come chi dicesse, l’ho indovinata davvero, sull’onor mio.



230 Sottrarmi.



231 Padrone, cioè protettore.



232 Muso, per viso, si dice in Venezia comunemente.



233 Lo mette .



234 Affermativa con giuramento.



235 Cambio il tuono di voce.



236 L’Autore aspettava a mo menti la Compagnia de’ Comici, per i quali scriveva in quel tempo.



237 Più



238 Qui l’Autore, sia per ischerzo, o sia per modestia, chiama le sue Commedie pasticci.



239 Poveruomo.



240 Si getterebbe nel fuoco.



241 Termine d’amicizia.



242 Confessiamo la verità.



243 La lingua veneziana è piena di queste espressioni tenere verso gli amici.



244 Maraviglie, cioè, in questo senso, dei prodigi.



245 Far tanto in poco tempo, che faceva stupire il mondo.



246 Ancora più.



247 L’Autore crede sia L’Eccellentissimo signor Bernardo Valier, senatore amplissimo e parente degli sposi. Non s’è ingannato



248 Altra maniera di affermare con giuramento d’onore.



249 In un fogliaccio, in un scartafaccio.



250 Pover uomo.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License