Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

CAPITOLO IN LINGUA VENEZIANA In occasione delle nozze fra sua Eccellenza il Signor Carlo Zini, e la Nobil Donna Signora Dolfina Donado.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

CAPITOLO IN LINGUA VENEZIANA

In occasione delle nozze fra sua Eccellenza il Signor Carlo Zini,

e la Nobil Donna Signora Dolfina Donado.

 

Mi no so cossa dir, ghe vol pazienza;

Un poco tardi me ne son accorto,

Che Cupido vol farme un’insolenza.

Adesso che ho tirà la nave in porto,

Che del vento e del mar no gh’ho paura,

Reso dai danni e dall’esempio accorto,

Amor, che xe insolente per natura,

Vedendo che per mi no son più bon,

El me mette per altri alla tortura.

Col fa qualche bel colpo sto baron251,

Subito el vien da mi perché, scrivendo,

Me sfadiga per farlo parer bon.

Ma, per diana de dia252, mi no l’intendo:

El xe putelo, e el mena per el naso

Omeni grandi e grossi; el xe tremendo.

Quel che el m’ha fatto in zoventù, mi taso;

Poco più, poco manco, chi me ascolta,

O che se trova, o s’ha trovà in tel caso.

Tutti, piccoli o grandi, uno alla volta,

O vogando, o facendose vogar,

AI traghetto d’amor fa la so volta253.

Mi ghe n’ho fatto, e ghe n’ho tornà a far.

Vago debotto254 per le cinque crose255.

Amor, per carità, lasseme star.

Mo sior no; tutto el sento la ose

De sto frascon256, che sgangolir257 me fa

Coi so reziri e col parlar de spose.

Subito che se forma in sta città

De una bella novizza un bon partio,

El me vien a contar ste novità;

E mi, povero gramo258 ingritolio259,

Che ho perso l’erre260, e che ho desmesso affatto,

Ghe dirave de quei che l’ha nanio261.

L’altro zorno el vien via con un ritratto;

El me lo mette senza parlar.

Mi lo vardo e m’incanto co fa un matto.

Quel furbazzo se mette a sghignazzar262,

E el me dise: Coss’è? cossa credeu?

Che ve voggia per questo innamorar?

Donca (ghe digo mi) cossa voleu?

Co sta roba vegnì? Responde Amor:

Quel che voggio da vu no lo saveu?

Presto; tolè la penna, e feve onor.

Vôi che ve sfadighè per sta novizza,

Bella, nobile, ricca, e de buon cuor.

Scomenzo allora a ranzignar la schizza263,

El me sente che trago una 264,

E el me dise: Patron, no la se instizza.

Ste furie no le stimo una patacca265.

Voggio farme servir da chi vôi mi.

Vôi che se scriva, e quel ch’è pezo, a macca266.

Anca vu avè godesto ai vostri ;

Adesso el paraninfo avè da far;

Amor comanda, e s’ha da dir de sì.

Me scomenzo un pochetto a pasentar267.

Togo in man el retratto, e ghe domando

La novizza chi xe che ho da lodar.

El me dise: Aspettè, l’impegno è grando;

E sotto un’ala el tira fora un quadro

D’un signor generoso e venerando.

Subito visto, subito lo squadro268.

Zelenza Zini ho cognussù al dessegno.

Ah Cupido baron, ti xe un gran ladro269!

Questo ch’è qua, xe un cavalier de inzegno

Che fin adesso s’ha burla de ti;

Come astu fatto a superar sto impegno?

No (me responde Amor), no son stà mi.

Varda sta bella dama; ella gh’ha el vanto

D’averlo fatto innamorar cusì.

Per trarlo in rede ho tanto fatto e tanto,

Ho rotto l’arco, ho butta via le frezze,

E al fin la bissa xe vegnua all’incanto.

Varda, poeta mio, quante bellezze!

Benedetti quei occhi e quella bocca.

Benedetto quel viso e quelle drezze270.

No la xe miga una bellezza sciocca,

De quelle che par statue colorie,

Dure, dure, incandie, co fa una rocca271.

Tutte tutte la gh’ha le grazie mie,

La xe cara e gentil, la xe vezzosa,

E la sa tutte del ferir le vie.

La gh’ha un’aria soave e maestosa;

Al viso, ai vezzi, alle parole, al moto,

Non ho visto ai mi più bella sposa.

Mi a ste parole la saliva ingioto,

Ordeno al servitor dell’acqua fresca,

Ghe ne bevo tre fiai per el sangioto.

Maraveggia no xe se con sta lesca

De sto sposo novello el cuor se impizza;

Co sta sorte de roba no se tresca.

E amor che i cuori per el più impastizza,

Sta volta un sposo l’ha trovà, che in tutto

Degno xe del bel cuor de sta novizza.

Zovene, bello, manieroso e putto,

Fatto a posta per ela; e in cao dell’anno

De sta fattura vederemo el frutto.

Tutti per verità gera in affanno,

Credendo un cavalier che xe fio solo272,

D’amor nemigo ma el xe stà un inganno.

Nel s’ha volesto maridar de svolo273:

L’ha cercà la so costa, e el l’ha trovada.

Venezia, anca con ti me ne consolo.

Venezia, sempre più ti è fortunada,

Vedendo co sto santo matrimonio

Sta nobile fameggia assicurada.

Vorave se podesse, in testimonio

Del mio piaser, scioglier la ose al canto;

Ma no so cossa dir per sant’Antonio.

De sti novizzi poderia dir tanto,

Ma me confondo in mezzo all’abbondanza:

Vardo, penso, scomenzo, e po m’incanto.

Vol el debito mio, vol la creanza,

Che principia a lodar la nobiltà,

Per seguitar la consueta usanza.

Della casa Donada e chi non sa

I dosi, i senatori... Oh poffar Bacco,

Sento a dirme da Amor : Fermete .

De sta sorte de cosse el mondo è stracco,

E se de meggio no ti gh’ha in cantier274,

Ti pol metter ancuo le pive in sacco.

Se el fusse un matrimonio forestier

Tra do fameggie incognite al paese,

Te lasserave far el to mistier.

La bella sposa e el cavalier cortese

Xe soggetto bastante a un gran poema,

Degno dell’invenzion del Ferrarese.

Lo so anca mi, che poderia sto tema

Farte più grando dell’Ariosto e el Tasso,

Ma la forza te manca, e el cuor te trema.

Fora del to sentier no far un passo,

Che se ti vol alzar un pochettin,

A mezz’aria, per dia, ti caschi al basso.

Varda, me dise Amor, sto retrattin;

Pittura e Poesia xe do sorelle;

Provete de copiar sto bel visin.

Varda del sposo le sembianze belle;

Depenzi co la penna, se ti pol,

Quel che ha fatto el pittor su ste do tele.

Amor, ti me pol dir quel che ti vol,

No so quel che me fazza, o quel che diga:

Se perde i occhi, co se varda el sol.

Lassa per carità che me destriga,

E se la negativa te xe garba,

Anca mi a dir de no fazzo fadiga.

Dal despiaser me peleria la barba;

Ma vol che scriva per el so Teatro

De la novizza so zelenza barba275.

Infina adesso solamente quattro

Commedie ho fatto; e el popolo curioso

Voria che ghe ne fasse vintiquattro.

Sto patron, che con mi xe generoso,

Me preme de servirlo come va:

So che el me ama, e ghe ne son zeloso.

E po, se t’ho da dir la verità,

Questa xe la mia intrada, e in casa mia,

Se no laoro, no se magnerà.

Amor prencipia a dirme vellania,

El tol suso i ritratti, e manazzando,

El me dise rabbioso: Anderò via.

Ma recordete ben che anca ti, quando

Ti ghaverà de mi qualche occorrenza,

No sperar più d’averme al to comando.

Mi ghe respondo: Amor, ghe vuol pazienza.

Za sto tiro da ti me l’aspettava.

Va pur: ti m’ha servido a sufficienza,

Xe passà el tempo che Berta filava.

 

 





p. -
251 In questo senso vuol dir furbetto.



252 Esclamazione, come chi dicesse, per Bacco ecc.



253 Metafora presa dall’uso de’ traghetti in Venezia, che sono i passaggi da una parte all’altra del gran Canale.



254 Or ora, ben tosto.



255 Verso i cinquant’anni.



256 Fanciullo impertinente.



257 Mi mette in voglia.



258 Povero meschino.



259 Intirizzito.



260 Perdute le forze



261 Lo maltratterei.



262 A ridere.



263 A grinzare il naso.



264 Un cospetto.



265 Un zero.



266 A ufo.



267 A pacificarmi.



268 Lo riconosco.



269 Barone e ladro, in questo senso scherzevole, vuol dire accorto.



270 Trecce.



271 Come una conocchia.



272 Solo di sua famiglia.



273 All’impazzata.



274 In pronto.



275 L’Eccellentissimo signor Francesco Vendramin, zio della sposa e padrone del teatro di San Luca.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License