Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

SONETTO UMILIATO A SUA ECCELLENZA IL SIGNOR PIERO MOCENIGO SENATORE AMPLISSIMO

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SONETTO

UMILIATO A SUA ECCELLENZA

IL SIGNOR PIERO MOCENIGO SENATORE AMPLISSIMO

 

Queste pompe festive, e i plausi, e i viva

Sogni non son di un simulato affetto,

Ma la gioia comune in noi deriva,

Sacro Pastor, dal più sincero affetto.

Voti ciascuno al Re del Cielo offriva

Perché voi foste all’alto grado eletto:

Or la greggia per voi lieta e giuliva

Vi mostra il cor nel suo sereno aspetto.

Ma non cessan di noi le preci ancora:

A voi, signor, delle nostralme il zelo

Pace, e salute, e lunghi giorni implora.

Indi, squarciato dalla Morte il velo,

Questo popolo umil, che vi ama e onora,

Con voi sen passi a giubilare in Cielo.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License