Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

TERZETTI RECITATI NELL’ACCADEMIA DEGL’ INDUSTRIOSI PER INTRODUZIONE ALLA LETTURA DI UN PIÙ LUNGO COMPONIMENTO

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

TERZETTI RECITATI NELL’ACCADEMIA DEGL’ INDUSTRIOSI

PER INTRODUZIONE ALLA LETTURA DI UN PIÙ LUNGO COMPONIMENTO

 

Oh questa, a vero dir, mi giunse nuova;

Me ne ricorderò fino ch’io viva,

E per lo meno ad ogni Pasqua d’uova.

In una tal solennità festiva

Chi alla predica va, chi agli spedali,

Ed io convien che mi rinchiuda e scriva?

Perché ridurti a questi pasquali?

Qualchedun mi dirà, se’ pur dappoco;

Che hai tu fatto nei quaresimali?

Ho fatto, ho fatto, e non ho fatto poco,

E quel che ho fatto lo vedrete un giorno

In chiesa, sulla scena, o in altro loco.

Fino il sabbato santo io stetti attorno

A certe ottave in veneta favella

Per vergin che nel chiostro ave il soggiorno.

Ora l’impegno a scrivere mi appella

Per l’Accademia degl’Industriosi,

Dove mi collocò felice stella.

Ma in mezzo a tanti d’operar vogliosi,

Che fatte a tempo le lor cose avranno

Per esporle ai censori valorosi297,

Comparire dovrò per mio malanno

Con quattro versi schiccherati in fretta,

Come feci il secondo dell’anno?

La mia mala intenzion vi dico schietta:

Io meditai di fingermi ammalato,

O di piantar qualch’altra favoletta.

Ma ieri appunto, dopo aver pranzato,

In Merceria, da Santo Salvatore,

Ho il conte Tornielli riscontrato.

Quel degno cavalier mi fece onore

Salutandomi assai cortesemente,

Ma una stoccata mi ha menato al cuore,

Poiché in vederlo mi è tornato in mente

Ch’ei propose il quesito, se più danno

Poesia rechi, o più utile alla gente.

E i miei compagni gloria si faranno

L’argomento trattar da lui proposto,

Da lui, maestro di color che sanno.

Ed io vilmente mi terrò nascosto,

mostrerommi alcun de’ due partiti

A favorire, o contradir disposto.

Ah che i giorni miglior mi son sfuggiti:

Tempo mi manca all’onorata impresa,

E non vi è mezzo che a cantar m’aiti.

Se mai per sorte l’Accademia offesa

Si credesse da me, perch’io stassera

Tengo la Musa dal cantar sospesa,

Dirò che, se fissato oggi non era

L’argomento per tutti, recitata

Avrei la veneziana cantifera.

Meco per verità l’avea recata,

Ma esporla in tal incontro non ardisco;

Chiedo perdon d’averla nominata:

Dica quello a cui tocca, ch’io finisco298.

 

 





p. -
297 L’uso di tale Accademia è di non esporre alcun componimento senza che prima sia stato esaminato dai Censori della medesima.



298 Fu pregato l’Autore di recitare il Componimento da lui indicato: cosa che tanto meno gli dispiacque, quanto che l’avea preveduta e desiderata. Il detto Componimento è stato stampato nel primo tomo.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License