Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

AL CHIARISSIMO PADRE MAESTRO MARCO ROSSETTI VENEZIANO, CARMELITANO DELLA CONGREGAZIONE DI MANTOVA, REGGENTE DEGLI STUDJ IN FIRENZE, E PREDICATORE NELLA PARROCCHIALE E COLLEGIATA DI S. CASSIANO DI VENEZIA CAPITOLO

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

AL CHIARISSIMO PADRE MAESTRO MARCO ROSSETTI VENEZIANO,

CARMELITANO DELLA CONGREGAZIONE DI MANTOVA,

REGGENTE DEGLI STUDJ IN FIRENZE, E PREDICATORE

NELLA PARROCCHIALE E COLLEGIATA DI S. CASSIANO DI VENEZIA

CAPITOLO

 

Benedetto sii tu, Marin Rossetti 300,

Che fosti un fra gli uomini onorati,

Ed or sarai fra gli angioli perfetti.

Poiché amici noi fummo ai tempi andati,

Oh quante volte del tuo figlio, e quante,

Abbiamo i giorni in ragionar passati!

E mi sovvien che, acceso nel sembiante,

Tenero per natura ed amoroso,

Ragionavi di lui, fervido, ansante.

E di vederlo non er’ io bramoso

Forse meno di te, ché d’ogni parte

Grido giungea dell’orator famoso.

La provvidenza che ogni ben comparte,

Marco a noi guida, ed io qui fermo ho il piede,

E del gaudio comun mi trovo a parte.

Padre, tu il vedi, dall’eterea sede,

Sul pergamo intimar pena o perdono

Al popol folto, e gloriar la Fede.

Giubila nel veder quanti e quai sono

Gli ondeggianti uditor presti e costanti

A prevenir della campana il suono.

Mira dalle sue labbra i circostanti

Pendere immoti, e compagnar suoi detti

Colle tremule ciglia e i petti ansanti.

E mira intorno i naturali effetti

Di compiacenza, di stupor, di gioia,

Escir a forza da’ commossi oggetti.

E l’uomo tristo, cui sentire annoia

Del proprio seno ritoccar la piaga,

Senza dispetto la bevanda ingoia.

O prode, o saggio l’orator che appaga

Con argomenti da ragion dedotti,

E per vie tortuose non divaga!

I ministri di Dio facondi e dotti

Esser denno, egli è ver, ma non dal vano

Folle desio di dilettar condotti.

Ed evvi il modo costumato e piano

Di penetrar coll’Evangelo i cuori,

Ed esser grati all’intelletto umano.

Mescere si potranno i frutti e i fiori,

Ma in numero ed in peso ed in misura

Siano dei primi gli ultimi minori.

Marco L’arte conosce e la natura,

E gl’intelletti sobriamente alletta

Poiché nell’alme penetrar procura;

Né i motti studia, né lo stile affetta,

Ma la Scrittura somministra i modi

A quella dotta lingua benedetta.

Dimmi, egregio Marin, Tu che in Ciel godi

L’eterna gloria, hai compiacenza santa

Che il tuo figlio da noi si applauda e lodi?

Sì, mi rispondi, ché di grazia tanta

Fonte è quel Dio che tu dappresso or miri,

Ed in Dio solo il Figlio tuo si vanta.

E collocato fra i superni giri

Teco l’aspetti alla beata sede,

Sciolti dal petto gli ultimi respiri.

Mira il trionfo della Santa Fede

Per lui reso maggior, la patria mira

Fatta da lui del Paradiso erede.

Satana vedi di dispetto e d’ira

Fremere, disperare; e stuolo eletto

D’alme purganti che per lui respira.

E pel tuo figlio, che in umano aspetto

Angiolo è reso per lo santo zelo,

Giustamente si accresce il tuo diletto,

E ne fai parte ai cittadin del Cielo.

 

 





p. -
300 Marin Rossetti, genitore del Padre Marco Rossetti, fu stampatore in Venezia.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License