Carlo Goldoni
Componimenti poetici

L’OMBRA DI TITO LIVIO

DEL SIG. CONTE GIO. FRANCESCO DE CATTANEO ACCADEMICO INDUSTRIOSO   SONETTO

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

DEL SIG. CONTE GIO. FRANCESCO DE CATTANEO

ACCADEMICO INDUSTRIOSO

 

SONETTO

 

Questa angioletta, che leggiadramente

Scese dal Cielo, appena giunta in questa

Valle di pianto asprissima e modesta,

Tornar pensò qual sole all’Orïente.

Almabella infra la vulgar gente

Non cape, e vive in guerra ed in tempesta;

Cercò asilo sicur con fuga onesta

Per gir in parte angelica, innocente.

E senza gir suso, la rinvenne

In erma cella, e tra ruvide lane,

Il rio verno fuggendo, e i bassi orrori.

Stese oggimai le fiammeggianti penne,

Carlo, e lasciò le qualitati umane,

Alberghi di dolor, madri d’errori.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License