Carlo Goldoni
Componimenti poetici

L’OMBRA DI TITO LIVIO

IL MONDO NOVO OTTAVE

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

IL MONDO NOVO

OTTAVE

 

Un certo Pasqualin vecchio onorato,

Di Casa Balbi servitore antico,

Gondoliere dal tempo un po’ fiaccato,

Ma bene in gamba, e del buon vino amico;

Mentre era al Zante il suo padrone andato403

(Sendo dell’ozio capital nemico),

Sovente andava con allegre ciglia

Del cavaliere a visitar la figlia.

Stava la nobil giovane rinchiusa

Nel Chiostro delle Vergini famoso404,

Dove restar dovea, siccome si usa,

Finché umano scegliesse o divin sposo.

La brama nel suo cor tenea socchiusa

Per disvelarla al genitor pietoso;

Ma il perspicace gondolier canuto

Ch’ella monaca andava ha preveduto.

E mentre anch’egli il suo signore aspetta

Che ritorni alla Patria dal Levante,

Per divertir la santa giovanetta

E le amabili sue compagne sante,

Forma un’industriosa macchinetta,

Che mostra all’occhio maraviglie tante,

Ed in virtù degli ottici cristalli

Anche le mosche fa parer cavalli.

Di tai lavori ne veggiam sovente

Moltiplicar daglinventori in Piazza,

E in specie il carnoval corre la gente

Ad essi intorno, e per vederli impazza.

Suonar tamburi e schiamazzar si sente,

E con un soldo si trastulla e guazza,

E si vedon battaglie e ambasciatori

E regate405 e regine e imperatori.

Queste macchine, dette volgarmente

Il Mondo novo, mostran dell’ingegno,

E il bravo Pasqualin, ch’uomo è di mente,

Una farne ancor ei preso ha l’impegno.

Un giorno il galantuom segretamente

Di veder l’opra sua mi fece degno,

In cantina, noi due soli soletti,

Fra barili, fra tazze e boccaletti.

«Questo» dice il buon uom «questo, paron406,

Xe un laorier407 che ho fato de matina,

Per far un puoco de conservazion408

In Parlatorio co la paroncina.

Ma perché gh’ho piaser de parer bon,

Vorave che ghe dessi un’ochiadina,

E co avè visto, che dicessi un puoco,

Se merito del bravo o de l’aloco

Sì, caro Pasqualin, ben volentieri

Lo vedrò (gli rispondo), e di buon core

Vi dirò schiettamente i miei pensieri,

Perché vorrei che vi faceste onore.

Prende un fiasco alla mano e due bicchieri,

E presentami un vin d’aureo colore,

Dicendo: «Questo qua, paron mio caro,

Da la tosse el defende, e dal cataro.

E vôi che tra de nu sel cocolemo409

Fina l’ultima giozza, e alegramente,

Da Sanzuane410, vôi che se godemo;

Basta che mia muggier411 no sapia gnente.

A la salute del paron. Bevemo.

Benedeto sto vin dolce e racente

Prima ch’i’ avessi il mio bicchier vuotato,

Tutto il fiasco da sé si è tracannato.

Bevuto il suo caffè412, da me si parte

E si accosta alla macchina quadrata.

Separa alcuni fili, e li comparte,

Ed apre un finestrin sulla facciata.

Io m’accosto a guardar da quella parte,

E veggo una distanza smisurata,

E parmi di sentir di qua e di

Il tamburo suonar tarapatà.

E sento a dir dal bravo Pasqualin:

«Vederano413 da la prima veduta

Amor, che xe vestio da fantolin414,

Al trotolo415 ziogar con una puta;

Ma ela, che non ghhano sto morbin416,

Se tira da una banda, e non se buta417.

Amor ghe dise: “Premi418, vita mia”,

E la puta stalisse419, e fuze via.

E vederano abiti e diamanti,

E un monte de ducati e de zechini,

E vederano i cavalieri amanti,

Che fano i Ganimedi e i Paregini420;

E questi sono tuti quanti incanti

Che fano a la dongela i diavolini.

Vederano che lei si fa la croce,

E tuti quanti scampa via veloce.

Osservano, signor421: da quela banda

Se forma un belitissimo bancheto;

D’ogni grazia de Dio, d’ogni vivanda,

Ghe parechiano el meggio, e el più perfeto.

Dise quel camerier: “Se la comanda,

Questo è vin de Vicenza neto e schieto;

Quando el vin de Vicenza è recusato,

Bisogna dir che la sia santa affato”.

Vardano sta dongela benedia,

Che desprezia sto mondo e no ghe bada.

Vardano che deboto scampa via.

Tiritòpete zo. Dov’èla andada?

Vardano che la tola422 xe sparia.

Osserverano la scena scambiada,

Notano la prestezza. In t’un momento

Vardano che la puta423 xe in convento.

Osservano el famoso monestier,

Che sono dele Vergini chiamao,

Dove sta zentildona con piaser

S’ha arlevà, e xe tornada da recao424.

Notano la grandezza e el bel veder

De quel gran orto, che va fin in cao425.

Vardano quele cele e el refetorio,

E la chiesa, e la porta, e el parlatorio.

Tuto xe belonazzo426, ma i m’ha dito

Che una caneva427 gh’è superbonazza428,

Dove che ghe xe drento de pulito429,

Bocca che vustu430, e che in tel vin se sguazza.

Osserva adesso el Campaniel fornito

De pute che se gode e se sbabazza431.

Osservano lassuso quele do,

Che din don din din don fa campanò432.

Fano gran festa, perché son tornata

La compagnia che avevano smaria,

Come giusto el pastor, quando ha trovata

La piegorela433 ch’era andada via.

Vedano più de tute consolata

La Pasqualiga ch’è so amia, zia,

Munega veramente regiliosa,

Dama de tutto ponto, e vertudiosa

Confesso che un piacerraro e strano

Ogni maggior divertimento avanza:

Bello è sentir col barbaro toscano

L’idiota venezian far mescolanza.

Bellissimo è il goder di mano in mano

Piantata una solenne sconcordanza,

E sentir a chiamar la vergin pia:

La piegorela che giera smaria.

Mosse i fili il buon vecchio, e a dir riprese:

«Vardano adesso delle cosse tante.

Se cambiano la scena, e quel paese

Che vederano è l’isola del Zante.

Vardano quel cavalier cortese

Mandà da la Republica in Levante.

Vestio de rosso, oh come ch’el par bon

Zelenza Nicoleto mio paron!

Vederano suso in quel castelo

De , de note, so Zelenza atento,

E vederano la giustizia e el zelo,

Come l’ha sostenudo el regimento.

Vardano i Greghi434 che confessa in elo

Gran saver, gran dolcezza e gran talento.

Vardano adesso, quando ch’el va via,

Come pianzono tuti in compagnia.

L’isola se desfanta435, e vederano

La cità de Venezia e el Lazareto.

Vardano quante gondole che vano

A darghe el ben tornao con vero affeto.

Adesso a quel balcon osserverano

Pasqualin presentarse con respeto,

E sconzurarlo che el lo torna a tor

In gondola a servir fina che el muor.

Vardano el cavalier che ghe respose:

So che un te piaseva a butar 436”.

Vardano Pasqualin che ghe propose:

Zelenza benedia, no bevo più”.

Indi rivolto a me: «No gh’ho più ose437»,

Dissemi, «e seguitar no posso più

A mostrarve, paron, el Mondo novo,

Se no me torno a renfrescar da niovo».

E in così dir prendendo un boccaletto,

Cava la spina ad un barile alzato,

E l’empie, e si ristora il poveretto,

E al solito lo bee tutto in un fiato.

Questo non si può dir vizio, o difetto;

È la necessità, che l’ha spronato:

Ei patisce una sete aspra, bestiale,

E l’acqua non gli piace, e gli fa male.

Dopo un breve ristoro, a dir ritorna:

«Vedano, vederano, osserverano

De Casa Balbi la fameggia adorna.

Tuti a lodar no basterave un ano.

Quela dama che fa, che va, e che torna,

Che opera sempre, e ferma mai non stano,

La xe Zelenza Beta438 mia parona,

Che tra le done  merita corona.

Mo che bona muggier! mo co amorosa

Che la xe per i fioi439, per la so casa!

Qualche volta co mi la xe stizzosa,

Ma se la gh’ha rason, convien che tasa.

Angarana la xe, stirpe famosa.

E la zente da ben xe persuasa

Che sta nobil fameggia, e de bon cuor,

Merita ogni grandezza, ogni splendor.

Vardano quel puto zentilomo,

Che ha messo vesta440, Zelenza Tomaso.

El xe zovene assae, ma el gh’ha de l’omo;

D’ogni fior de bontà lui sono el vaso

Belo, garbato, e dolce co fa un pomo;

Che sa, che intende, che no parla a caso;

E che a Conseggio441 se farano onore,

E darano alegrezza al genitore.

Vardano i altri cinque so fradeli

(Messier Domenedio li benediga),

Osservano l’amor che tra de eli

Fa che la pase sia de tuti amiga.

Per grazia del Signor no i xe de queli

Che fa sussuro e le fameggie intriga.

Che nassa desunion no gh’è pericolo;

Tuti boni dal grando in fina al picolo.

Sier442 Orazio, che gh’ha disisetani,

Xe el più bon puto che ghe sia a sto mondo;

L’ama la quiete, e nol se tol affani,

Casalin443 facendin444, lesto e giocondo.

Anca sier Marco, che gh’ha manco ani,

Xe un puto de bon genio e de bon fondo,

E che col tempo mostrerà anca elo

Che hano bon intendachio445, e bon cervelo.

Sier Matio446, che i ghe dise el Dotorin,

Per lezer e studiar no gh’è altretanto.

El buta zo in t’un atimo447 el latin,

E impussibile par che el sapia tanto.

E sier Francesco, picolo ma fin,

Per spirito, dasseno, el xe un incanto448;

E vu l’avè sentio sul vostro viso

Far dei prindesi in rima a l’improviso.

L’altro più picinin, sier Galean,

Che i setani gnancora no ha finio,

Se vede che anca lu no xe un baban,

E che ai altri fradei l’anderà drio449.

Vardè quele tre pute da lontan,

Bele, ben fate, e col timor de Dio;

Anca ele xe fie del mio paron;

Dio le conserva alegremente, e in ton450.

E vederano Zelenza Zuane451,

Del mio paron carissimo fradelo,

De zucaro impastato e marzapane,

Tuto amor per sta casa, e tuto zelo;

Che va facendo le so caravane,

Giudicando le cause con cervelo,

E el se fa voler ben da vechi e puti,

Perché, col pol, el fa servizio a tuti

Suonar odo in un tratto una trombetta,

E sparir veggio la goduta scena,

E un’ampia chiesa nella machinetta

Veggio apparir di popolo ripiena.

Mi sorprende, mi piace, e mi diletta

D’un palco musical la vista amena;

Io dico a Pasqualin: Bravo davvero:

Lodo l’esecuzion, lodo il pensiero.

Veggio da un lato una gentil damina,

E sento il vecchiarel, che tal ragiona:

«Osservano Zelenza Contarina,

Che un anzolo la par proprio in persona.

Vardano co che grazia la camina;

Tuti la varda, tuti la minzona452.

Ecola inzenochiada da una banda,

E i preti che ghe canta Messa granda.

Osservano a sonar viole e violini,

Osservano i sberleffi dei cantanti;

E vardano quei cari motesini453

Dei zendaeti454, che se fica avanti.

Vardano per la chiesa i licardini455

Che gh’ha paura de imbratarse i vanti456,

Vardano la parona, che compida

Le zentildone al parlatorio invida.

Vardano adesso el parlatorio pien

De dame e cavalieri a marteleto457,

E el rinfresco badial458 che va e che vien,

Dove tanti golosi fa bancheto.

Vardano adesso Pasqualin, che tien

Anca elo in manina el so sorbeto;

No miga de naranza459 o de limon,

Ma de sugo de ua460 sincero e bon.

Vardano quel scrocone, che ha bevù

Sete sorbeti e cinque chiocolate.

In quel cantone osservano colù,

Che ha impenio le scarsele, e se la bate461.

Queste ch’è qua, per dirla tra de nu,

Se ghe dise de posta462 baronate:

Se el fusse vin, compatiria l’usanza;

Ma impenirse de acqua? oh che increanza

Tira un nuovo spaghetto, e si tramuta

La scena, e grida il bravo Pasqualin:

«Osserveranno l’ultima veduta,

Dela fonzione vederano el fin.

Vardano adesso, che ala santa puta

Ghe taggiano i cavei463, no per morbin464,

Ma col Tasso465 dirò: Perché le indegne

Sprezza di servitù misere insegne.

Osservano, che adesso i la despoggia466

Dei abiti de sea, d’oro, e d’arzento.

Vardano adesso, che sta cara zoggia467

Da munega se mete el vestimento.

Benedeta da Dio! de bona voggia

La saluda i parenti, e la va drento,

Dove la gh’ha da star fin che la muor...

Oh Dio! no posso più, me crepa el cuor

Sento che più non parla; alzo lo sguardo,

Curioso di saper se avea finito,

E veggio lagrimante il pio vecchiardo,

E che il pianto il parlar gli avea impedito.

Dicogli: Come? un uom forte e gagliardo,

Per sì poco si perde, ed è avvilito?

Morta non è l’amabile donzella,

Ma vive in Dio più vigorosa e bella.

Balbettando risponde il gondoliere,

Interrotto dal pianto e dal singhiozzo;

«Ah sior sì, le rason xe sante e vere,

Ma no le basta a consolarme un giozzo468;

E ste lagreme mie le xe sincere,

E voggio per dolor farghene un pozzo,

Perché xe vero che l’è viva e sana,

Ma per sempre da nu la xe lontana.

E dasseno, paron, me vien la stizza,

Co penso che l’è andada in monestier.

Se l’avesse volsuo469 farse novizza,

Chi sa che mi no fusse el so provier470?

Ché gnancora no son vecchio panizza471,

E so far, co va fatto472, el mio mistier,

E in t’un groppo473 a mostrar la mia bravura,

Quando son a dezun474, no gh’ho paura.

Ma pazenzia per mi, che a mantegnirme,

Fin che vivo, el paron gh’ha da pensar.

Ma de pianzer, per dia475, no so tegnirme,

Co penso che sta puta ha da penar;

Che no basta, sior no, che i vegna a dirme:

L’ha da esser contenta, e giubilar.

Dal mondo al monestier, gh’è diferenza;

L’ha da far sacrifizi e penitenza.

Coro, cela, orazion, e disciplina,

Obedienza, fadighe, e povertà;

Oh povera Zelenza Contarina!

La me despiase, e la me fa pecà476.

Propriamente me sento stamatina

El cuor, co se sol dir, tanto ingropà477,

Che se no togo un poco de ristoro478,

Dala desperazion sento che muoro

E in così dir ritorna al barilotto,

E beve, e si conforta il vecchiarello.

Vuol ch’io pur beva, e mi offerisce il gotto,

Soggiungendo che il vin fa buon cervello.

Lo ringrazio di core; e poi di botto

Lo procuro istruir sopra di quello

Che non intende, o non conosce, o crede,

Col lume del Vangelo e della Fede.

Voi (dico) Pasqualin, voi gondoliere,

Non avete con metodo studiato,

Ma la macchina vostra a vedere

Che una talpa, un babbeo, non siete nato:

Dunque mi proverò farvi sapere

Che dal vostro pensier siete ingannato,

Se vi pensate che la padroncina

Più felice non sia d’una regina.

Figuratevi pur, che fosse sposa

D’un ricco Cavalier, bello e garbato,

E che a lei non mancasse alcuna cosa

Per rendere invidiabile il suo stato.

Credete voi che qualche spina ascosa

Non avesse a provar dal mondo ingrato?

Voi siete servitor, ma lo sapete,

E i sposi d’oggidì li conoscete.

Corre oggi giorno una moderna usanza

Che chiamasi servir semplicemente,

Ma questa servitù talor si avanza,

E diviene un po’ troppo confidente.

Se la sposa si adatta in consonanza,

Suol far anch’essa mormorar la gente;

E se all’uso comun non aderisce,

Soffre, piange, si lagna, e ci patisce.

Dato ch’ella incontrasse un matrimonio

Con vera pace e col timor di Dio,

Di cui si può vedere un testimonio

Fra la vostra padrona e il padron pio,

Dove della discordia il rio demonio,

Né il geloso martel giammai s’udio,

Non crediate che avesse il cuor giocondo,

Ché un vero ben non può godersi al mondo.

Se non sapete di filosofia,

Filosofo vi faccio in un momento.

Perché felice in questa vita un sia,

Basta che del suo stato ei sia contento;

E tal felicità credo si dia

Più facile fra i muri d’un convento,

Perché dall’occasion nascon le voglie,

E mancando il poter crescon le doglie.

Ma teologo ancora i’ voglio farvi,

Giacché avete buon senno e buon cervello.

Pasqualin caro, posso assicurarvi

Che l’amore di Dio fa tutto bello.

Se poteste voi pure inmonacarvi,

Credetemi, vel giuro da fratello,

Che ripieno ancor voi d’amor divino,

Sareste un altro, e lasciereste il vino.

Tenero Pasqualin si batte il petto,

Dice: Mea culpa, e mostrasi pentito

D’aver detto fin or quello che ha detto

Del santo monastero, inavvertito.

Cerco d’incoraggire il poveretto,

E dicogli: Su via, vediam finito

Della macchina vostra il bel lavoro,

Che, a dir la verità, vale un tesoro.

Ei dice: «Vederano la dongela

Co le muneghe aliegra in compagnia,

E che tute ghe dicono sorela,

E la togono in mezzo479, e vano via.

Vardano, che la va in te la so cela,

E per adesso l’opera è fenia.

Prego che chi la vede no la sprezza;

Pace, con questo, sanità, e alegrezza480

Replico al gondolier: L’arte e l’ingegno

Della macchina vostra io lodo e approvo;

E non mi par della damina indegno

Questo vostro bizzarro Mondo novo.

Anzi adesso con voi prendo l’impegno,

Se stanco un giorno di compor mi trovo,

Che andiamo per il mondo, voi ed io,

Mostrando in piazza il Mondo novo. Addio.

 

 





p. -
403 S. E. Padre della candidata, Provveditore dell’Isola del Zante.



404 Insigne monistero, detto delle Vergini.



405 Corsa deliziosa di barchette, che si accostuma in Venezia.



406 Il linguaggio del gondoliere è veneziano del più basso e vulgare.



407 Lavoro.



408 Conservazione, errore popolaresco.



409 Ce lo beviamo.



410 Per San Giovanni, giuramento usitato.



411 Moglie.



412 Per ischerzo l’Autore chiama il vino il caffè del gondoliere.



413 Il gone doliere affetta di voler parlare toscano, per imitare quei che mostrano i Mondi nuovi, e dice degli spropositi.



414 Da bambino.



415 Giuoco che si usa dai ragazzi.



416 Allegria smoderata.



417 Non si cura vedere.



418 Termine de’ gondolieri che indica a sinistra.



419 Stalire all’incontrario significa a dritta.



420 Disinvolti e di buon gusto.



421 Questa è una sconcordanza, come tante altre, del gondoliere.



422 La tavola.



423 La fanciulla.



424 Un’altra volta.



425 Fino in lontano.



426 Assai bello.



427 Cantina.



428 Bellissima.



429 Cose buone, cioè buon vino.



430 Che ogni bocca si può soddisfare.



431 Sbabazzare, gongolare.



432 Le pensionarie in tali occasioni si divertono a suonare a doppio.



433 La pecorella.



434 I Greci, popoli del Zante.



435 Sparisce.



436 A bere molto.



437 Voce.



438 Elisabetta.



439 Per i figliuoli.



440 Un nobile veneto mette la toga ordinariamente verso i vent’anni in circa.



441 Nel Gran Consiglio.



442 Questo titolo Sier si in Venezia ai nobili, in luogo di Signore: uso antico, che si conserva ancora.



443 Che ama di stare in casa.



444 Che fa volentieri gli affari domestici.



445 Intelletto



446 Matteo.



447  In un subito.



448 È prodigioso.



449 Terrà dietro agli altri fratelli.



450 Sane, di buona cera.



451 Giovanni.



452 Tutti parlano di lei.



453 Gesti graziosi.



454 Per zendaetti si intendono quelle donne che portano graziosamente il zendale, o sia zendado, in capo, le quali si affollano in tali funzioni, e si cacciano innanzi, quanto possono.



455 Zerbinotti che leccano, cioè amoreggiano.



456 Guanti.



457 Pieno affollato.



458 Magnifico, abbondante.



459 Di arancia.



460 Di succo d’uva, di vino.



461 Se ne va via.



462 De posta: assolutamente.



463  I capelli.



464 Non per galanteria.



465 Quasi tutti i gondolieri in Venezia sanno a memoria la Gerusalemme liberata del Tasso.



466 La spogliano.



467 Cara gioja, cioè fanciulla amabile.



468 Una goccia, un atomo, niente.



469 Voluto.



470 Il suo gondoliere da prova, che è il miglior posto dei due.



471 Metafora, che significa vecchio impossente.



472 Come si deve.



473 Dicesi un gruppo una quantità di gondole affollate, che impediscono all’altre di passar oltre, e gli abili gondolieri sanno bene condursi in tali incontri.



474 Quando sono a digiuno: intende quando non ha bevuto.



475 Per diana.



476 Mi fa compassione.



477 Il cuore oppresso.



478 Per suo ristoro intende il vino.



479 E la prendono in mezzo di loro.



480 Tutti che mostrano simili macchinette, sogliono finire dicendo: E con questo pace, sanità, e allegrezza.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License