Carlo Goldoni
Componimenti poetici

L’OMBRA DI TITO LIVIO

VESTENDO L’ABITO RELIGIOSO DI SAN BENEDETTO NEL VENERANDO MONISTERO DEGLI OGNISSANTI IN PADOVA LA SIGNORA TERESA FABRIS COL NOME DI ANNA MARIA   CAPITOLO VENEZIANO A SUA ECCELLENZA LA SIGNORA ADRIANA DOLFIN BONFADINI

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

VESTENDO L’ABITO RELIGIOSO DI SAN BENEDETTO NEL VENERANDO

MONISTERO DEGLI OGNISSANTI IN PADOVA

LA SIGNORA TERESA FABRIS COL NOME DI ANNA MARIA

 

CAPITOLO VENEZIANO

A SUA ECCELLENZA LA SIGNORA

ADRIANA DOLFIN BONFADINI

 

Scrivo a una dama, scrivo a una patrona,

Scrivo per obedir chi me comanda,

Scrivo per una causa onesta e bona.

Ai vinticinque del passa me manda

La muggier d’un amigo un boletin

Co sta gentil brevissima domanda:

«Una puta, colpia da amor divin,

Se fa munega a Padua ai Ognissanti,

E da vu se vorave un sonetin;

Ve dirò de la puta i pregi e i vanti:

La xe proteta da la Bonfadini...»

Basta, basta cussì, no andemo avanti.

Sta dama, che ha talenti pelegrini,

Basta per onorar la fama e el nome

De chi d’ogni virtù passa i confini.

Zelenza benedetta, oh quanto, oh come

Consolar m’ho sentio da sta notizia,

Animar m’ho sentio dal so cognome!

Superando la noia e la pigrizia,

E el despiaser de un simile argomento,

Tolta ho la pena in man con più letizia;

E servo con più lena e più contento

Quela signora che m’ha el comando,

Per sta sola rason che val per cento.

Xe per mi una fortuna e un onor grando

Unir al nome de una religiosa

El nome de una dama venerando,

De una dama benigna e virtuosa

Che ha con zelo e fervor sempre adempio

Ai doveri de madre e a quei de sposa;

E se strenzer el cuor la s’ha sentio

Da le disgrazie familiari al mondo,

La s’ha savesto consolar con Dio.

E Dio farà el so cuor lieto e giocondo

Con do fioi che è l’amor de sto paese,

E de la niora col ventre fecondo.

Ghe domando perdon, dama cortese,

Se sti mi versi ghe dirigo a ela,

Per far al mondo el mio dover palese:

Seguro che a la santa verginela

Riuscirà grato stumile tributo

Più de sentirse a dir prudente e bela.

Chi abandona i parenti e el mondo tuto,

Sprezza ogni lode, e da modestia impara

El generoso angelico rifiuto.

E se la santa penitenza amara

La preferisce ai comodi paterni,

D’ogni piacer contra se stessa avara,

L’al fa per acquistarse i beni eterni,

E contenta che Dio l’aprova e loda,

No la cura del mondo i segni esterni.

Pur tropo l’adular fato è a la moda,

E el sesso feminin principalmente

Par che trionfa dei encomi, e goda.

E ho sentio co ste rechie de la zente

Dir in fazza a la tal: La xe un portento.

E po dirghe da drio: No è vero gnente.

Chi volesse lodar el bel talento

De Teresa, e la mente, e el viso, e el cuor,

Farlo se poderia con fondamento.

Ma la xe inamorada del Signor,

E la rinunzia ai meriti profani,

E no se cura de sto basso onor.

E quando l’altre co l’andar dei ani,

Persi averà sti adulatori amanti,

Tardi pianzendo i non previsti afani,

Teresa in compagnia d’anzoli santi,

Zovene più che mai, bela e vezzosa,

Eterna viverà tra soni e canti.

La lode più sincera e più sugosa

Che convegna a sta puta, è questa sola:

Dio la conosse, e Dio la vol per sposa.

Quanto spiega e contien sta gran parola!

Sposa de Dio? basta cussì. Chi ardisse

Dir de più, no ghe , ma assae ghe invola.

Qua se ferma ogni lode, e qua fenisse.

E fenisso anca mi, con so licenza,

Che un tal fregio m’incanta e me stordisse.

Perdon, per carità, perdon, Zelenza,

Se a dirigerme a ela ho tropo ardio;

So che la gh’ha per mi de la clemenza;

E una tal protetrice è l’onor mio.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License