Carlo Goldoni
Componimenti poetici

L’OMBRA DI TITO LIVIO

AL PADRE ZANETTI   CAPITOLO VENEZIANO

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

AL PADRE ZANETTI

 

CAPITOLO VENEZIANO

 

Caro padre Zanetti, in zenochion

Perdonanza domando; strapazzeme,

Diseme roba, che ghavè rason.

Ma la vostra amicizia assae me preme:

Onde, dopo d’averme strapazzà,

Ascoltè le mie scuse e perdoneme.

M’avè con bona grazia domandà

Qualche composizion per una dama

Che presto col Signor se sposerà.

M’avè dito, me par, che la se chiama

Maria Giovanna, e che la xe una Zane,

Nobil fameggia, cognossua per fama.

Mi che patisso qualche le rane,

V’ho resposo: Son stuffo, caro amigo,

Ogni zorno a sentir de ste campane.

Adesso ancora più, che gh’ho sto intrigo

De una nova edizion, come savè,

E el mondo crierà, se no me sbrigo.

M’avè anca resposo: Se volè

Far dei amici, e dei associati,

Siè cortese con tuti, e corponè.

Sior sì, xe vero, generosi e grati

Molti s’ha arecordà de quel che ho fato,

Ma ghe ne xe de sconossenti e ingrati;

E tanto no m’importa del ducato,

Quanto el dir : Tolè suso, i s’ha scordà

De la mia servitù; son stà pur mato.

De chi parlo cussì nissun lo sa;

Ma el nome un de chi m’ha favorio,

Per gloria mia, se vederà stampà.

Quando, padre Zaneti, avè sentio

Le mie lamentazion e le mie scuse,

Senza dirme de più, tornà indrio:

Fin qua no ghe xe mal. Sforzar le Muse

No se pol, lo savè; col stilo al peto

Scriver, e scriver ben, no le xe use.

Ma vel confesso, padre benedeto,

Quel che per vu non ho volesto far,

Far per altri a la fin son stà costreto.

Una dona i xe andai a tormentar,

Perché la me comanda in sta occasion,

E le done, per dia, pol comandar.

Vu no lo saverè che in Religion

Vivè come se deve; ma mi el so,

Perché al secolo vivo, e son baron.

Gnanca per questo no credè però

Che a la signora che m’ha comandà,

Mi ghe fazza el servente: missier no.

Ve lo zuro dasseno, in verità,

No l’ho gnanca mai vista, e gh’ho rispeto,

E gh’ho dover per sta rason ch’è qua.

Perché la xe novizza de Marcheto;

De Milesi. El cognossè

Quel amigo de cuor sincero e schieto.

E con lu ve dirò, se nol savè,

Gh’ho de le obligazion, ghe voggio ben;

La rason la xe chiara, e la vedè.

Me dirè: Coi amici no convien

Usar ste distinzion. Se el fe per lu,

Perché no, mo, per mi? Si, disè ben;

Ma parlemose, amigo, tra de nu:

Semo in caso diverso; el mio Milesi

Gh’ha, compatime, una rason de più.

I novizzi i procura i primi mesi

Esser almanco co le spose atenti,

E in quel che le comanda esser cortesi.

E i amici, e i compari, e i so parenti,

Tuti in sti primi studia e s’impegna

De farli comparir bravi e valenti.

Donca, se sta novizza la se degna

De comandarme, e se el novizzo prega,

No dir de no la civiltà me insegna.

Ma co penso che a vu la Musa nega

Quel che ai altri concede, in verità,

Maledisso i mi feri, e la botega.

So per altro che avè de la bontà,

Che me perdonerè sto primo falo,

E un’altra volta, se volè, son qua.

Per sta munega donca son in balo,

E bisogna balar, voggia o no voggia,

Za che ai pi, per ste danze, ho fato el calo.

Cossoggio mo da dir? Questo m’imbroggia.

Disème, caro vu, sta santa ancela

Che de sposarse col Signor gh’ha voggia,

Xela, come ho sentio, prudente e bela?

Ma m’arecordo che anca vu avè dito:

No l’ho mai vista, né parlà con eia.

Donca, compare, scriverò pulito!

Saveu cossa farò? dirò qualcossa,

Come de dir me vegnirà el prorito.

Credo che senza scrupolo se possa,

In sta tal ocasion, parlar a orbon,

E dir qualche busia sonora e grossa.

Ma me provo de dirla, e no son bon;

Sempre la verità costumo a dir,

Contra el stil de sta nostra profession.

Donca per dir qualcossa, e no mentir,

Me tacherò più tosto in general

Le muneghe e le cele a benedir.

Ma per dir ben del stato monacal

(Adesso che ghe penso), no voria

Aver del matrimonio a parlar mal;

Perché quella gentil patrona mia

Che ha volesto che scriva, no me diga,

In vece de lodarme, vilania.

Sto dopio impegno sempre più me intriga:

Vôi lodar quela che se sposa in Cielo,

E vôi che l’altra no me sia nemiga.

Questo sia donca el mio pensier novelo :

Farò quanto so far col mio talento,

Tra sti do sposalizi un paralelo.

El Santo Matrimonio è un Sacramento

Instituio fin ne la prima Legge,

E confermà nel novo Testamento.

Ma el Signor Nostro che governa e regge,

E l’onesto conubio ha comandà

Per propagar dei so dileti el gregge,

Visto el mondo abastanza popolà,

L’ha introdoto nel sen de le donzele

L’amor de l’inocente castità.

E perché no se diga che anca quele

Le sia senza el so sposo, el le dichiara

Spose del Redentor sora le stele,

E el le invida a le nozze, e el ghe prepara

Feste, doni, richezze, e quanto mai

Pol bramar dona santamente avara.

Donca al Cielo xe cari e xe lodai

Tanto i cuori prescielti a viver puri,

Quanto l’onesto cuor dei maridai.

Sta mo a veder più franchi e più seguri

Chi sia de lori, o chi ben vive al mondo,

O chi viva serà tra quatro muri.

Se i mel domanda a mi, per mi respondo:

Gh’è el so ben, gh’è el so mal per tuti quanti,

E ogni stato pol far tristo e giocondo.

Anca tra i maridai ghe xe dei santi,

E tra i anacoreti più severi

Gh’è stà chi ha perso de pazenzia i vanti.

Per altro so anca mi che i santi veri

Tra de nu xe pocheti, e che se trova

Qualcosseta de più nei monestieri;

Che ogni al mondo gh’è una rason nova

Da far pericolar, e che drento

L’uso, e l’esempio, e anca el comando giova.

Onde son anca mi de sentimento,

Che al secolo se pol far vita bona,

Ma più facile assae xe in t’un convento.

El ponto sta che, per aver corona,

Bisogna contrastar, dise el Vangelo,

E no basta l’offizio e la corona.

Donca soto la lana, e soto el velo,

I nemici ghe xe tra i chiostri ancora,

Che move guera, e che contende el Cielo.

E quel bruto Demonio, in so malora,

Sta quachio, quachio, e quando no se crede,

Quando manco el s’aspetta, el salta fora.

Co le muneghe el sente e co l’ el vede,

Le man a cilici e a discipline,

E le se salva, e no le casca in rede.

Cossa farà le povere meschine

Maridae che no pol, per el so stato,

Ste penitenze usar sante e divine?

Eh, quel Signor che tante cosse ha fato,

Gh’ha provisto anca a ele: i fioi, la casa,

Le massere, la niora, un mario mato.

Se la se sente dal Demonio invasa,

Una bona muggier, per penitenza,

Basta che la soporta e che la tasa;

E più de l’orazion, de l’astinenza,

Val, credèmelo a mi, ne l’ocasion,

Esser dona de garbo, e aver pazienza.

Ma tempo è de fenir sto mio sermon;

So che gh’è poco sugo, e lo cognosso,

Che el xe un discorso senza conclusion.

Ma co fazzo, e co ho fato quel che posso,

Se da qualche letor sarò burlà,

Gnanca per questo no vegnirò rosso.

Basta che lo receva con bontà

Quela dama gentil che se professa,

E la novizza che m’ha comandà.

Basta che i sapia che l’ho fato in pressa,

Che farave de più, ma no so bon.

Basta, amigo, con vu che me confessa,

E che me concedè grazia e perdon.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License