Carlo Goldoni
Componimenti poetici

L’OMBRA DI TITO LIVIO

LETTERA IN VERSI VENEZIANI A S. E. IL SIGNOR NICCOLÒ BALBI

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

LETTERA

IN VERSI VENEZIANI

A S. E. IL SIGNOR NICCOLÒ BALBI

 

Zelenza, semo qua, semo tornai

Alla necessità de carteggiar,

Come s’ha carteggià nei tempi andai.

E siccome lontan no posso star

Co l’animo da ela, e col pensier,

Me procuro, scrivendo, avicinar.

Da Ferrara scomenzo el mio dover,

Dove son arivà gieri matina

Con un ottimo viaggio, e con piacer.

Xe vero che suppiando la marina,

El sirocco n’ha fato trategnir

Delle ore a Poveggia e a Pelestrina:

Onde no s’ha podesto pervegnir

La sera a Francolin, come sperava,

E do note in burchiel s’ha abù a dormir.

Ma cusì quieti, e tanto ben se stava

Senza far gnente, e senza alcun pensier,

Che proprio, in verità, me consolava.

No ghe posso spiegar che gran piacer

Ho provà ne la pace e nel riposo,

Cosse che no son solito a goder.

Me pareva el burchiel cusì gustoso

Che baratà no l’averia, per Bacco,

Con un ricco palazzo e luminoso.

M’ho trovà cusì stuffo e cusì stracco

Del longo sfadigar de corpo e mente,

Che sui stramazzi m’ho butté co è un sacco.

E proprio inamorà del no far gnente,

Senza scriver, né lezer, né zogar,

El riposo ho gustà perfettamente.

E co la zente m’è vegnù a avisar

Che ghe giera do sedie da Ferrara

Che fin da l’altro stava a aspettar,

M’ha parso squasi la notizia amara;

M’ho levà suso, e m’ho vestio, disendo:

Dolce poltroneria, ti xe pur cara.

O che dileto! o che piacer stupendo,

Dopo un ano de strussia e de pensier!

Chi nol prova, nol sa. Mi el so, e l’intendo.

Basta; son a Ferrara, e el mio dover

Vol che subito scriva a un mio patron,

Per debito, per genio e per piaser.

Prima de tutto chiederò perdon

Se avanti de partir non ho servio

La so damina che fa Profession.

Questo giera, lo so, l’obligo mio,

E me despiase non averlo fato,

E se podesse, tornerave indrio:

Ma, Zelenza, la sa se giera in stato

De scriver una riga in quei momenti.

Con cento cosse da deventar mato.

Le visite, la casa, i mi parenti,

I bauli, le , i commedianti

Me fava spesso bestemmiar tra i denti.

No ghe pensemo più, tiremo avanti.

Prego Vostra Eccellenza alla damina

Far le mie scuse per amor dei santi.

Merito una solenne romanzina,

Ma, ghe scometto, no la la sa dar,

Perché la xe una santa muneghina.

Me par ben de sentirme a strapazzar

Da Pasqualin, che in grazia mia sperava

Aver anca sta volta a figurar.

Quando che in qualche logo el me incontrava,

Mo quante cerimonie e quanti inchini

Sto disinvolto servitor me fava!

E el lo fava anche lu per i so fini,

Ché el gusto d’esser nominà in sto caso

Nol lo daria per dodese zecchini.

E squasi squasi saria persuaso

Che l’anteponerave a sto dileto

Quelo del bocaleto e de l’arnaso.

L’ano passà sto povero vecchieto,

Passando per autor del Mondo novo,

L’andava dal piaser proprio in brueto.

E anca stano chi sa che qualche vovo

No me fosse vegnù su quel modelo

Per far qualcossa de bizaro e novo?

M’ha mancà el tempo, m’ha mancà el cervelo,

Non ho podesto far el mio dover,

E ghe ne provo asprissimo martelo,

E tanto me conturba un tal pensier,

Che qua dove ho rason d’esser contento,

Gnente su l’onor mio me piaser.

Giersera son andà per complimento

A la Comedia, e s’ha rappresentà

Dai commedianti un mio componimento.

Per farme una finezza i à recità

Glinnamorati, e ho visto veramente

Quanto son compatido in sta cità.

Piase la Compagnia comunemente,

Ma, a dito universal, stano gnancora

No i ha visto in teatro tanta zente;

E i l’ha godesta, e i la voleva ancora,

Ma ai comedianti ghe premeva far

El Scanderbech, che la bell’Arte onora.

E dubitando de descapitar,

Fando stassera una comedia mia,

L’arte no i ha volesto abandonar;

E mi presto ho risolto de andar via,

Temendo fursi che la mia presenza

No promovesse qualche diceria.

So che ha curiosità Vostra Eccellenza

De aver notizia se el moroso novo

Sia soggetto de garbo a sufficienza.

Schiettamente dirò che mi ghe trovo

De la disposizion da far pulito,

Ma tutto intieramente non aprovo.

El xe per altro un zovene compito;

Bela persona, svelta e disinvolta,

Zovene coraggioso, e non ardito.

El sa, l’intende, e con piaser l’ascolta

Qualche suggerimento, e me despiase

Non averlo sentio più de una volta.

Ma quando che qualcossa no me piase,

Chiapo su e vago via, ché no gh’è al mondo

Cossa più preziosa de la pase.

Ancuo dopo disnar lieto e giocondo

Partirò per la Posta, e se el sol scota,

Quando ho dito d’andar, no me confondo.

La mia famosa ustinazion xe nota:

Quando ho dito d’andar, vago seguro,

Se andar credesse co la testa rota.

Meto, co se sol dir, la schena al muro;

Batti e ribatti l’ha da andar cussì;

Sarà quel che sarà, d’altro non curo.

Qualche anzoletto pregherà per mi.

Se Maria Contarina se degnasse...

Ma non ardisso de pregarla .

Me basteria che la me perdonasse,

E in tel memento dei so servitori

El nome mio per carità ghintrasse.

Ma ho commesso un error tra i altri errori

Che no merita scusaperdon,

E me fa degno de mazor rigori.

Son partio da Venezia in confusion

Senza andar a inchinarla al monestier,

Anca al despetto de la mia intenzion;

Ma ho mancà con tant’altri al mio dover,

E ho mancà per rason tanto palesi

Che certo no son reo per mal voler.

E i mi patroni amabili, cortesi,

M’averà fursi del compatimento,

Com’anca a dirlo in fazza mia li ho intesi.

E una puta arlevada in t’un convento,

Cussì santa, pietosa e de bon cuor,

No ghaverà per mi sto sentimento?

Sior sì, sior sì; sia ringrazià el Signor

Che Maria Contarina me perdona,

Per grazia, per bontà, per bon amor.

Diga chi vol, la xe la mia parona;

La pregherà el Signor, e anca chi sa

Che per mi no la diga una Corona?

E dove che el destin me manderà,

Spero che le orazion de sta anzoleta

A far bon viazo le me gioverà.

Vago a disnar: Zelenza benedeta,

Gh’ho de la zente che me sta a aspetar,

Che favorisse la mia tavoleta.

Quando un viazolongo s’ha da far

Con tanta spesa e tanta zente intorno,

Certo bisognerave sparagnar;

De voler sparagnar digo ogni zorno,

Ma no trovo la via de far dasseno,

E sicutera novamente torno.

E qual su l’Adria, sarò tal sul Reno,

E su la Senna, e sul Tamigi ancora,

Ché propriamente sparagnando peno.

Per altro el spender ben no tra in malora

E no ruvina l’esser liberal,

Come el zogo farave, e la signora.

Me basta mantegnirme in capital,

E per riposo de la mia vecchiezza

Basta che l’Edizion no vaga mal.

Vago a Bologna, e ghe darò contezza

De quel che in viazo me anderà accadendo

Co la mia antiga natural schietezza.

i so comandi e le so grazie attendo.

M’inchino a la patrona, e el mio dover

Fazzo coi fioli e el padre reverendo.

La prego a la damina in monestier

Umiliar le mie scuse e el mio rispeto.

So che el zorno s’appressa, e con piacer

De la so Profession le nove aspeto.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License