Carlo Goldoni
Componimenti poetici

APPENDICE

SQUARZO DE’ MATRIMONI CHE SUCCEDONO AL GIORNO PRESENTE   SONETTO IN LENGUA VENEZIANA CON LA COA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SQUARZO DE’ MATRIMONI CHE SUCCEDONO AL GIORNO PRESENTE

 

SONETTO IN LENGUA VENEZIANA CON LA COA

 

Chi ha visto una galìa nome spalmada,

Tutta in pronto allestia per el Levante,

Rossa i fianchi, speron, pupa indorada,

Fanò, crestalli e bandariole tante;

Veder la zurma pronta alla vogada,

Ziogar da cento teste tutte quante,

Da timpani e trombette accompagnada,

La par su l’onde una delizia andante.

Ma che? se andè in corsia, gran disinganno!

Tutto angustie, e miserie, e patimenti,

Incaenai, desperai, strussia e malanno.

Tali xe i Matrimoni ai presenti:

Pompe, amori, bellezze, e, dentro, oh inganno!

Inferno, crepacuori, e patimenti.

Desgusti coi parenti

Gh’è per la dota, in casa gh’è musoni

Per proibir l’uso, visite e perdoni.

Se fe i gonzi, e boni,

Tutto le fa a strapè per far despetto;

Parlè sul sodo, le perde el respetto.

Se ghe molè un schiafetto,

Allora se xe come i cani e gati,

El nome le sa dir dei antenati.

Vardè che bei trati

Sior omo strambo, soi la to massera,

Oppur m’astu trovà drento in scoazzera?

Lassarme dove giera

Ti podevi; no te son corsa drio,

Che no giera vogiosa de quel zio;

Ma séntime, ben mio,

No me vôi far nasar qua dai vicini,

Per altro tocherave altri cantini;

Fideve in sti aguzzini,

Metteghe vita e roba in le man,

Che i ve tratta cussì come sto can;

Ma perché ti è un villan

Da tutti cognossuo per un omazzo,

No ti te meritavi sto mustazzo.

Sentirse sto strapazzo,

replicar battue, l’è gran prudenza:

Ma bisogna coparle, o aver pazienza.

E questa una semenza

Che in tutti i matrimoni la fiorisse,

Né no ghe n’è pur un senza ste risse;

E no la se fenisse,

Che passa i mesi in tosseghi e rancori,

E nasce da sto mal mali mazori.

Le saria riose e fiori,

Se no ghe dasse scuola su ste gare

Qualche vicina, o qualche so comare.

Che non è, vien so mare

Coi brazzi in fianco in casa a far la prota,

E dir: La tal e tal co manco dota,

Cargnella o una Bariotta,

Le gh’a mario che, se puoi dir, l’adora,

E le mie carne ha sta malora.

Za me l’aspetto, ancora

Véderla destirada in t’un cailetto,

O desconirse grama in fondi a un letto.

Séntime, omo indiscreto,

Farò, dirò, te metterò al cimento,

Che no ti averà tutto el to contento.

Manazzi tratti al vento,

Ma che pena a un omo sensitivo.

Sotto alle piéte alfin nasce l’olivo.

Ti te giusti a motivo,

Stante che avendo un poco d’intradella,

Per pase e prole ti vuol star con ella.

Qua un’altra garbinella.

La gh’ha la mare secca, o troppo verde,

Che no la chiappa fungo o la...

Chiacole e cento...

Tanto che alla sposetta ghe vien mal;

Bisogna correr a torghe un cordial.

Per bile gnente val.

Dise so mare: Via, siora Tonina,

Desmolèghe, fia mia, la pettorina.

Chiamè siora Cattina,

Anzola, Meneghina e Marïetta,

Francesca, Giacomina e Lucïetta.

E così in mezz’oretta

Per donnette l’albergo è deventà

Apponto l’Ospeal della Pietà.

Descorsetti qua e .

Siora Prudenza fra l’altre in distanza

La dise: Questo è mal de gravidanza.

Cosse segondo usanza.

Cossa ve par, dise, siora Tonina?

Digo che siora Prudenza l’indovina.

La comare Paolina

Andeghe, grama, subito a levar,

Che chi no sa che no la sia per far.

I batte, andè a vardar.

La xe qua colla zotta so massera,

Che su le spalle la gh’ha la civiera

Via, paron, bona ciera,

E la siora comare andè incontrar,

E alla carega a vu ve tocca a star.

Coragio avè da far.

Così predica al sposo ste donnette

Che xe per casa, sìele benedette!

Dopo da accorte e drette

Le dise: Alliegri, che sta primariola

V’ha fatto un maschio che proprio consola.

E qua se drezza tola

Alla mare, alle amighe, a chi la monze,

A chi l’assiste al parto, a chi la onze.

Daffari e spese zonze.

Per le fenestre fasse e paneselli,

Come tanti tappei destesi e belli.

Ogni canton mastelli,

Brazzariole, bonigoli e pezzette,

E attorno del fogher cento strazzette;

Cinquanta che tette

Acciò no manca el latte al fantolin,

Sicché la casa deventa un pestrin.

Le man sempre in taschin

Bisogna aver chi no vuol che la cria,

E co la chiama, dirghe: Vita mia,

Cossa ve occorreria?

Che me tolessi del vin moscatello

Per bagnarghe la panza a sto putello;

Perché, caro fradello,

Tutto el latte continuo el butta fuora,

E gh’ho nome paura che ’l me muora.

Ma vien siora Pandora,

E la domanda: Cossa fa el puttin?

Ghaveu bagnà, grametto, el stomeghin

Co un po’ de pirimpin?

Siora sì, ma el gh’ha el spasemo, e credelo,

Che da pasion squasi perdo el cervelo.

È sta qua mio fradelo

Con un certo segreto soprafin;

E par che l’abbia meggiorà un tantin.

E mai no ghe xe fin;

Quando i fa i denti, allora stè da festa,

Che notte e zorno i ve rompe la testa.

E questa è una tempesta

Che no ve coppa, ma tormenta forte,

Che cento volte al bramè la morte.

E se per bona sorte

Questo te vive, e più non la se ingravia,

L’è zelosa, l’è inferma, e poco savia.

Le gh’ha l’umor d’Ottavia,

D’Elena, Berenice e de Cleopatra,

Inspiritae una mazor de l’altra.

Perché l’è troppo scaltra,

Minchion, se ella sa poco el fatto soo,

Per la poca custodia che ha del too.

Cento matezzi è a coo,

Nome mignogne, siora tenerina,

Che la par un paon co la cammina.

E manderia in rovina,

Tanto è piena de boria e d’arroganza,

El patrimonio che gh’ha el...

Tàtare po all’usanza

De andrianè, de cerchi e de sottane

O inglesi, o chinesi, o pur persiane,

O sia napolitane;

In tanti strani modi, e in foza tal

Che no gh’è tanti attrezzi all’Arsenal.

No fazzo per dir mal,

Un fanò le gh’ha in testa, o perucon:

Le se metterà presto anca un morion,

Diavoli d’invenzion,

Barilò, scuffle, creste e papaline,

Cheffe, bonè, bonetti e todeschine.

Scurto le cendaline:

Perdia, che a tor muger l’è un brutto intrigo;

No so se tal le fosse al tempo antigo.

Per mi m’ho destrigà, mai più m’intrigo.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License