Carlo Goldoni
I portentosi effetti della madre natura

ATTO SECONDO

SCENA TERZA   Calimone e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Calimone e detti.

 

CAL.

Dorina...

DOR.

Ah padre mio,

Soccorretemi voi.

CAL.

Che cosa è stato?

RUGG.

Giustamente sdegnato

Contro costei son io.

L'hanno arrestata, ed il comando è mio.

CAL.

Ah, che fate, signor?

RUGG.

Non più; miei fidi,

Al carcere si guidi; e custodita

Sia cautamente.

DOR.

Oh me meschina!

CAL.

Povera innocente!

Rammentate, signor...

RUGG.

So quel ch'io faccio.

Non ardite parlar. (con collera)

CAL.

Pazienza! io taccio.

DOR.

Dunque m'abbandonate? (a Calimone)

CAL.

Figlia mia,

Tu lo vedi, conviene aver pazienza.

(Ma del cielo oprerà la provvidenza).

RUGG.

Vattene. (a Dorina)

DOR.

Oh destin rio!

Padre, vi lascio.

CAL.

Oh figlia cara!

DOR.

Addio.

 

Ahi! di me che mai sarà?

Caro padre, oh Dio! non so,

Se qual vado tornerò.

Raccomando al cielo, ai Numi,

Gl'innocenti miei costumi,

La mia povera onestà. (parte fra' Soldati)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License