Carlo Goldoni
Il povero superbo

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA   Dorisbe sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Dorisbe sola.

 

 

Amore, amor fecondo,

Volgi lo sguardo a chi ti sacra il petto.

Se il fato mi divide

Da quello del mio fuoco

pregiabile oggetto,

Quale, oh numi, sarà la vita mia?

Sempre in pene ed affanni

Passerò sospirando i più begli anni.

 

Se dell'anime fedeli

Tu secondi i voti, amore,

Deh, seconda del mio cuore

Anco i voti in questo .

Non soffrir che le crudeli

Smanie ree de' sventurati

Turbin cuori amanti amati,

Cui ragione i lacci ordì

Il piacer di questo cor. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License