Carlo Goldoni
Il prodigo

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Truffaldino e detti.

 

TRUFF. (Osserva che Trappola dei danari a Colombina)

TRAPP. Così sarete vestita di nuovo da capo a piedi.

COL. Per grazia del mio caro signor Trappola.

TRUFF. (Oh razza maledetta!) (da sé, in disparte)

TRAPP. Mi vorrete voi bene?

COL. È obbligo mio.

TRAPP. Sopra tutto non state a dar parole a quel briccone di Truffaldino.

COL. Oh, non vi è pericolo.

TRUFF. (Smania)

TRAPP. Basta, ho qualche buona intenzione sopra di voi: se saprete fare, vi sposerò.

COL. Sarebbe troppa fortuna per me.

TRAPP. Da qui a pochi giorni, vi parlerò con maggior fondamento. Portatevi bene, e Truffaldino mandatelo al diavolo.

COL. Oh, l'ho di già mandato.

TRUFF. (Come sopra)

TRAPP. Addio, cara. Vado a provvedere per la tavola. (Se troppo resto qui, le pietanze calano). (da sé, osservando la borsa)

COL. Non vi scordate di me.

TRAPP. Eh! ci penso anche troppo. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License