Carlo Goldoni
Il prodigo

ATTO PRIMO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Brighella e detti.

 

BRIGH. Signor...

MOM. Che te casca la testa.

BRIGH. Obbligatissimo alle so grazie.

MOM. Cossa voleu, in vostra malora?

BRIGH. Xe vegnù da Venezia sior Dottor Desmentega.

MOM. Diseghe che el vaga via, e che el se desmentega che mi sia a sto mondo.

BRIGH. L'è vegnù con premura granda, perché dentro de oggi se tratta la so causa.

MOM. Ah sì, no me recordava. Diseghe che l'aspetta.

BRIGH. Signor sì, e che me desmentega: che te casca la testa. (parte)

CLAR. Signor Momolo, non trascurate i vostri interessi; badate al vostro Dottore.

MOM. Che la me diga quel che la me voleva dir.

CLAR. Un'altra volta. Non perdete di vista quello che preme. Ci rivedremo.

MOM. Ma la toga almanco sto anello.

CLAR. No, tenetelo, custoditelo. Lo prenderò, se mi sarà lecito di pigliarlo. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License