Carlo Goldoni
La pupilla

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA   Quaglia, Orazio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Quaglia, Orazio

 

QUA.

Sentite? Anche la serva raccomandavi

Volerle bene.

ORA.

Se la sposa apprezzala,

Io pur ne terrò conto.

QUA.

Orsù finiamola,

Parvi ancor tempo di darmi da bevere?

ORA.

Sei assetato?

QUA.

Sì, ma non dissetomi

Che con bibite d'oro.

ORA.

Affé, aver meriti

Indorate qual Mida infin le viscere.

Prenditi i trenta ruspi, e in pace godili,

Che sienti cari e che buon pro ti facciano.

QUA.

Voi non sapete ancor quanto mi costino,

Ma lo saprete un giorno.

ORA.

Al sposalizio

Verrai tu pure. Or per allora invitoti.

QUA.

Oh, non vorrei che avessemi lo stomaco

Da conturbar. Davvero io vi ringrazio.

(Non saran le sue nozzefestevoli,

Com'ei si pensa. Oh, quanto vogliam ridere!)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License