Carlo Goldoni
La pupilla

ATTO SECONDO

SCENA NONA   Caterina, Orazio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Caterina, Orazio.

 

CAT.

Per tutto ov'io m'aggiro, il tutor seguemi,

Ed io sfuggo vederlo.

ORA.

O mia dolcissima

Sposa diletta.

CAT.

Come mai sì subito

Ciaschedun sa questo novel mio titolo?

ORA.

Non vi disse il tutor, non disse Placida,

Che voi siete la sposa?

CAT.

Sì, mel dissero.

ORA.

Siete contenta?

CAT.

Non saprei rispondere.

ORA.

Al tutor vostro vi vorreste opponere?

CAT.

No certo.

ORA.

Dunque rassegnata e placida

Vi sopporrete del buon padre agli ordini.

CAT.

Non come a padre, per quel che mi dicono.

ORA.

Come a tutor.

CAT.

Nemmeno.

ORA.

Come a un provvido

Amico e consigliero.

CAT.

Indur mi vogliono

Ch'io preferisca sopra ogni altro titolo

Quello di sposo.

ORA.

A far cosa v'inducono

Ragionevole, santa, e ogni or lodevole.

CAT.

Ma ne ho vergogna.

ORA.

Meco discacciatela.

Tre mesi or son, che dal balcon si parlano

I vostri occhi ed i miei. Le labbra aggiunsero

Qualche parola, e lusingar mi fecero

I detti e i sguardi, che non dispiacevole

Siavi il mio amor. Alfin parlare indussemi

La mia passion che più ogni giorno aumentasi.

Il tutor vostro, che può sol disponere

Della pupilla, per mia sposa accordavi...

CAT.

Io sposa vostra?

ORA.

Sì, cara, non disselo

Messer Luca medesmo, ed ancor Placida?

CAT.

(Oh mia ignoranza! mi credea volessemi

Il tutore in isposa, ed ora avveggomi

Dell'error fatto. Dunque mi destinano

Orazio?)

ORA.

Via, mia cara, confidatevi

Con chi vi adora.

CAT.

(Non so che rispondere).

ORA.

Un vostro sì può ravvivar quest'anima.

CAT.

Dal tutore io dipendo.

ORA.

Ei testé dissemi,

Che voi contenta, sarà contentissimo.

Che rispondete voi?

CAT.

Io? perdonatemi.

Cose son queste ch'io non giungo a intendere.

Egli faccia di me quel che è il mio meglio.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License