Carlo Goldoni
La pupilla

ATTO QUINTO

SCENA SESTA   Messer Luca, Nutrice

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Messer Luca, Nutrice.

 

LUCA

O Provvidenza, che dell'uman genere

Sei reggitrice, e nei maggior pericoli

Offri lo scampo a chi in error precipita,

Se tu non eri che in tempo le labbia

Movevi di costei, chi sa a qual termine

Condur poteami passïone acerrima?

O Caterina mia, vieni alle braccia

Non del tutor, non dello sposo (in odio

Forse al tuo cuor), ma del tuo dolce e tenero

Padre amoroso, che ad amar principiati

Con amor sconosciuto ai preteriti.

NUT.

Dov'è, messere, Caterina?

LUCA

Cercala

Nelle sue stanze, e dille che a me vengane,

Ma lascia a me il piacer che possa io essere

Il primo a darle il fortunato annunzio.

NUT.

Perdonate s'io fui di sì indegn'opera

Troppo finora, a mio rossor, partecipe.

LUCA

Il piacer che ora provo, fa ch'io scordomi

Tutto il passato, ed il perdon concedoti.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License