Carlo Goldoni
Il quartiere fortunato

PARTE PRIMA

SCENA PRIMA   Camera in casa di Bellinda.   Bellinda sola.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PARTE PRIMA

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera in casa di Bellinda.

 

Bellinda sola.

 

BELL.

Vedovella ch'è senza marito,

È una vite senz'olmo in campagna,

È una tortora senza compagna,

È una nave che scorta non ha.

 

Mah! pazienza: la morte

Mi ha levato il consorte;

Son rimasta soletta, e quel ch'è peggio,

In occasion che siamo circondati

Da cannoni, da bombe e da soldati.

Tremo ad ogni momento:

Tutto mi fa spavento, e già m'aspetto

Che, con tutte le mie calde preghiere,

Anco di casa mia faccian quartiere.

Oimè! chi è questi? chi è di ? Lesbino,

Dove sei? chi domanda? (a Roccaforte che viene)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License