Carlo Goldoni
Il quartiere fortunato

PARTE TERZA

SCENA TERZA   Roccaforte e detta.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Roccaforte e detta.

 

 

ROCC.

Bellinda, allegramente.

BELL.

Qual novella?

ROCC.

Non puoi esser più bella.

È venuto un dispaccio dalla Corte:

La guerra è terminata,

E la pace testé fu pubblicata.

BELL.

Oh cieli! oh me felice!

Ora sperar mi lice

Che meco resterete?

ROCC.

Or mi lusingo,

Or che ho adempito il mio dover fra l'armi,

La licenza ottener di maritarmi.

BELL.

Ma presto l'averete?

ROCC.

Adagio un poco,

Facciamo i nostri patti.

BELL.

Entrata e soldi,

Tutto vi donerò.

ROCC.

Non basta questo.

BELL.

La mia destra, il mio cor e tutto il resto.

ROCC.

Ancor non m'intendete.

BELL.

Cosa di più volete?

Dite per carità.

ROCC.

Voglio, Bellinda mia, la libertà.

BELL.

Non volete sposarmi?

ROCC.

Sì, ma non già legarmi

Come schiavo in catena;

Né di moglie gelosa i' vuò la pena.

BELL.

Non mi volete amar?

ROCC.

Con tutto il core.

Un galantuom d'onore

Ama la moglie sua sia brutta o bella,

Ma vuol poi conversar con questa e quella.

BELL.

E vi par tempo questo

Di parlarmi di ciò?

ROCC.

Vi parlo adesso,

Perch'essere professo un uom leale;

Acciò che poi non ve n'abbiate a male.

 

Questo è il mio sentimento,

Cara Bellinda mia:

Lungi la gelosia

Voglio dal nostro cor.

BELL.

Di gelosia il tormento

Lungi da questo seno;

A me serbate almeno

Fede, costanza, amor.

ROCC.

Vostro sarà il cor mio.

BELL

Tutta di voi son io.

a due

Tutto di quel bel viso,

Tutto il mio ben sarà.

ROCC.

Vuo' divertirmi un poco,

Voglio festini e gioco.

BELL

Caro marito mio,

Amo le feste anch'io.

ROCC.

Fate quel che volete;

Io non l'impedirò.

BELL

Se voi non parlerete,

Io non vi griderò.

a due

Mai della vostra fede,

Mai non sospetterò.

ROCC.

Se con la dama

Voi mi trovate,

Non sospettate

Della mia .

BELL.

Col cavaliero

Se mi vedete,

Mai non temete

Malizia in me.

ROCC.

Quest'è l'usanza.

BELL.

Quest'è la moda.

a due

Servir si loda

Con onestà.

ROCC.

E chi è geloso...

BELL.

Chi è timoroso...

a due

Esce dai termini

Di civiltà.

 

Fine dell'Intermezzo.

>


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License