Carlo Goldoni
Il raggiratore

ATTO PRIMO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Il conte, poi donna metilde

 

CON. Costui mi conosce un poco meglio degli altri; ma son certo però, che trovandoci il suo interesse a tenersi meco, non mi recherà pregiudizio. Non so, se colui d’Arlecchino avrà portato alle dame i miei regalucci. Ecco donna Metilde: veramente è una damina gentile, peccato che non abbia ventimila scudi di dote! Non vorrei che amore mi corbellasse. Starò in guardia più che potrò.

MET. Serva, signor Conte.

CON. Riverisco la signora donna Metilde.

MET. Giacché non c’è nessuno, vorrei prendermi una libertà.

CON. Potete esser sicura di tutto il mio rispetto, e dirò anche della mia tenerezza.

MET. Tenete questa carta; riponetela presto, presto.

CON. Che vi è qui dentro, signora?

MET. Lo vedrete poi. Compatite.

CON. Permettetemi che possa almeno vedere...

MET. No, vi dico, non voglio. L’aprirete quando sarete da voi.

CON. Non so che dire. Voi sempre mi caricate di grazie.

MET. Sono piccioli segni dell’affetto mio.

CON. Veggo a mia confusione con quanta bontà mi trattate.

MET. Se potessi, farei di più.

CON. Arlecchino è ritornato qui questa mane?

MET. Lo vidi, che appena mi era alzata dal letto, non gli ho potuto dire quel ch’io voleva. Mia madre è una tiranna con me.

CON. Dopo non è tornato?

MET. No certo.

CON. Potrebbe essere ritornato, che voi non lo sapeste. Vi è dubbio che possa averlo veduto donna Claudia senza di voi?

MET. Non può essere, perché ella è stata sinora alla tavoletta. Tre ore ci sta ogni mattina allo specchio, e se io sto mezz’ora, mi grida.

CON. Spiacemi che non abbiate veduto colui.

MET. Perché? aveva qualche cosa da dirmi?

CON. Aveva una cosuccia da darvi.

MET. Che mai?

CON. Una picciola tabacchiera d’avorio, con una miniatura eccellente. Quando verrà, vi supplico d’aggradirla.

MET. Tutto è prezioso quel che viene dalle mani del signor Conte.

CON. Posso vedere quel che rinchiude la carta?

MET. Per ora no, vi dico. Mi basta che l’aggradite, e che, per segno d’aggradimento, vi degnate di farne uso.

CON. Qualunque sia la finezza che voi mi fate, non lo trascurerà il mio rispetto.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License