Carlo Goldoni
Il raggiratore

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Donna Claudia ed Arlecchino

 

ARL. (Sta scena me l’ho godesta da galantomo. Adesso ghe ne aspetto un’altra). (da sé)

CLA. Che cosa fate qui voi? (ad Arlecchino)

ARL. Bisognava che ghe vegnisse.

CLA. Ma perché ci siete venuto?

ARL. Questo xe el ponto della causa. Ghe son vegnù, perché bisognava che ghe vegnisse.

CLA. La ragione di questa necessità?

ARL. La rason la ghe la domanda a quel stucchio.

CLA. Per regalarlo forse a Metilde?

ARL. Mi l’aveva da dar a vussioria.

CLA. E come l’ha avuto Metilde?

ARL. La l’ha avudo perché... Mi lo portava a vussoria.. e cussì... ho domandà de ela... ma xe vegnù la signora, come se chiamela... certo la me l’ha visto, e la me l’ha tolto de man. (Alla fin l’ho trovada). (da sé)

CLA. E lo voleva per lei?

ARL. Mi po no so altro. Quel che ho dito ho dito, e servitor umilissimo. (in atto di partire)

CLA. Aspettate. Il Conte manda a me quest’astuccio?

ARL. Siora sì.

CLA. E la scatola?

ARL. Anca quella, mi credo.

CLA. Perché dite credo? Chi ve l’ha data la tabacchiera?

ARL. Me l’ha dada sior Conte, certo, certissimo, e qua no gh’è gnente da batter; perché, se nol me l’avesse dada, mi no l’averave avuda.

CLA. Va bene; ma a chi vi ha detto di darla?

ARL. El m’ha dito: prendi, e porta alla signora donna Claudia.

CLA. L’astuccio?

ARL. El stucchio.

CLA. E la scatola?

ARL. E la scatola.

CLA. Tutto dunque?

ARL. Tutto.

CLA. E perché mi hai dato solamente la scatola?

ARL. (Adesso vegnimo all’articolo della difficoltà). (da sé)

CLA. Perché non darmi l’astuccio?

ARL. Perché, signora, la memoria dei omeni la xe tanto debole, quanto la fedeltà delle donne.

CLA. A proposito, chi si è scordato, tu o il Conte?

ARL. O mi, o el Conte.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License