Carlo Goldoni
Il raggiratore

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Camera di donna Claudia.

 

Donna Claudia e la Jacopina

 

CLA. Tant’è, vattene immediatamente di questa casa.

JAC. Perché, signora, mi discaccia così?

CLA. La roba mia non ha da essere sicura in casa?

JAC. In quattro anni che sono al di lei servizio, ha mai mancato niente, signora?

CLA. I quattro anni passati non servono a giustificare la mancanza dei manichetti.

JAC. Ma io lo giuro che non ne so niente.

CLA. Ed io so che mi mancano, e tu o li hai rubati, o li hai lasciati rubare per trascuratezza, e sia o in un modo, o nell’altro, ho giusta ragione di licenziarti.

JAC. Ha ella guardato ben bene per tutto?

CLA. Ho guardato dov’erano. E poi, che serve? So che sono stati venduti.

JAC. Si saprà dunque chi li ha venduti, e se vi sono dei ladri in casa, si vedrà ch’io non ne ho colpa.

CLA. Prima che altro si sappia, tu devi andartene di casa mia. (Mi preme ch’ella sen vada, per  poter sostenere col Conte la mancanza delle gioje mie). (da sé)

JAC. Ma questa, la mi perdoni, è una crudeltà, un’ingiustizia. Farmi perdere la riputazione così per niente.

CLA. (Ha ragione, per dirla, ma la riprenderò poi meco, e sarà risarcita). (da sé)

JAC. Abbia carità, signora, d’una povera donna, che non ha altro al mondo che un poco di buon concetto. Se perdo questo, ho perduto ogni cosa.

CLA. Per ora vattene; dappoi la discorreremo.

JAC. Ma se vado via con questa maschera in viso...

CLA. Non mi stare a far venire la bile. Ti licenzio con placidezza; ma se non parti subito, saprò farti andare in un modo che ti sarà di eterna vergogna. Vattene, insolente; e fa che questa sera qui non ti vegga, altrimenti sarà peggio per te, te lo giuro sull’onor mio. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License