Carlo Goldoni
Il raggiratore

ATTO TERZO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Donna Claudia, il conte, donna Metilde

 

CLA. (Non so come azzardarmi ora a sostenere la favola delle gioje). (da sé)

CON. Ho piacere che siate certificata dell’onoratezza della cameriera. (a donna Claudia)

CLA. Sì, per ora... (Sono mortificata). (da sé)

CON. (Vi ringrazio de’ manichetti). (piano a donna Metilde)

MET. (Accettate il buon animo). (piano al Conte)

CLA. Conte, sentite. (Delle gioje, che vogliamo dire sia stato?) (piano al Conte)

CON. (Ritorneranno per quella strada medesima, per cui sono andate). (piano a donna Claudia)

CLA. (Dubito ch’egli lo sappia quanto lo so io, che don Eraclio me l’ha impegnate). (da sé)

CON. (Se vi si propone di maritarvi, dite di sì...) (piano a donna Metilde)

MET. (Se fosse con voi). (piano al Conte)

CON. (Può essere che sia con me...) (piano a donna Metilde)

CLA. Parlate con me, Conte, non date pascolo alle scioccherie di Metilde.

CON. Sono ai vostri comandi. (a donna Claudia)

MET. (Ne imparo tante da lei delle sciocchezze). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License