Carlo Goldoni
Il raggiratore

ATTO TERZO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

La Jacopina e detti; poi messer Nibio

 

JAC. C’è uno che domanda del signor Conte.

CON. E chi è che mi vuole?

ERAC. Sarà quello dei mille zecchini. Fatelo venire innanzi.

CON. Si può sapere chi sia?

JAC. Non lo conosco. (Non gli vodire chi sia, per godere la bella scena). (da sé)

ERAC. Vediamolo chi è, fatelo venire.

JAC. Subito. (Oh come vuol restar brutto il signor Conte! Ma se lo merita, che voleva ingannare la povera padroncina). (da sé, e parte)

ERAC. Se fosse quello che vi porta il denaro, non abbiate soggezione di noi; dopo che averemo mangiato, potrà contarlo qui sulla tavola.

CON. (Ohimè! chi vedo mai?) (da sé)

NIB. Con licenza di lor signori.

CARL. Mio padre.

ERAC. Un villano? che vuoi tu qui? (adirato)

NIB. Vengo in traccia de’ miei figliuoli.

ERAC. E dove sono i figliuoli tuoi?

NIB. Eccoli qui: Pasquale e Carlotta.

ERAC. Come! (tutti s’alzano)

CLA. Che dice?

CON. (Son perduto). (da sé) Sarà un pazzo costui, non gli badate, signori.

NIB. Hai tanto ardir, temerario, di dir pazzo a tuo padre?

CARL. Mi maraviglio di voi, fratello, che strapazzate così nostro padre. Sì signore, egli è messer Nibio, io sono Carlotta sua figlia, e il conte Nestore è Pasquale suo figlio.

ERAC. Ercole, Ercole, dove sei?

CON. (Ah, che ad un colpo simile non so resistere. La natura tradisce la consueta mia intrepidezza; sento avvilirmi. Arrossisco in faccia di chi mi vede). (da sé) Signori... io sono... Mi maraviglio di chi non crede... Ora ora... vi farò conoscere chi sono. (parte)

ERAC. Sangue degli Eraclidi assassinato!

NIB. E tu, tristarella che sei, abbandonasti questo povero vecchio padre, per seguire il pazzo di  tuo fratello? Torna meco; deponi quegli abiti che ti stanno d’intorno; e vieni a riprendere la tua rocca, il tuo aratro, e la servitù di tuo padre.

CARL. Signori, la contessa Carlotta vi fa umilissima riverenza, e in ricompensa del desinare che le avete dato, v’invita in campagna a mangiare un piatto di ravanelli. (parte)

ERAC. Ercole, Ercole, dove sei?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License