Carlo Goldoni
Il ricco insidiato

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA   Il Conte Orazio, Onofrio e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Il Conte Orazio, Onofrio e dette.

 

CON.

(Eccola. Mi dispiace...) (piano ad Onofrio, vedendo donna Felicita)

ONO.

(Ricordisi l'impegno). (piano al Conte)

CON.

(Aspettate, facciamo le cose con ingegno). (ad Onofrio)

FEL.

(Ritorna con colui che seco ho già veduto). (da sé)

CON.

Eccomi, perdonate se tardi io son venuto. (a donna Felicita)

Un affar mi trattenne... Livia, che avete voi? (a Livia)

LIV.

Nulla.

FEL.

Sta pensierosa per gl'interessi suoi.

CON.

Ella non ha motivo di comparir dolente.

Ora spiccio quest'uomo, e torno immantinente. (si accosta ad un burò, lo apre, ne cava un anello di nascosto delle due donne)

LIV.

(Dica pur quel ch'io penso; non ne averò spiacere

Di già la mia intenzione un si ha da sapere). (da sé)

FEL.

(Quasi sarei curiosa saper quali interessi

Abbia con quell'omaccio, se saper lo potessi). (da sé)

CON.

(Portate alla ragazza per me quest'anellino.

Ditele che perdoni). (piano ad Onofrio)

ONO.

(In verità è bellino). (guardandolo con cautela)

CON.

(Riponetelo presto). (piano ad Onofrio)

ONO.

(Subito, sì signore). (ripone l'anello)

FEL.

(Che cosa mai gli ha dato? ho dei sospetti in cuore). (da sé)

CON.

Ite da quel mercante, e ditegli che a conto

Tenga quel che gli mando del mio dovere in sconto,

Che poi ci rivedremo. (forte ad Onofrio)

ONO.

Ella sarà servita.

La mercanzia gli piace? gli par che sia polita?

CON.

Sì, ne son contentissimo, e a voi sono obbligato.

ONO.

La sensaria, signore, però non ha pagato.

CON.

Eccovi uno zecchino. Vi pare a sufficienza?

ONO.

Per or son contentissimo; le faccio riverenza.

È questa la damina? (verso di Livia)

CON.

Sì, è la sorella mia.

ONO.

Ella avrebbe bisogno di un'altra mercanzia,

Di genere diverso, ma sul tenore istesso.

La servirò, se occorre.

CON.

Non ne parliamo adesso.

Ci rivedremo poi.

ONO.

Cospetto! ha un paio d'occhi! (piano al Conte)

Conosco il suo bisogno. La servirò coi fiocchi. (a Livia, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License