Carlo Goldoni
Il ricco insidiato

ATTO QUINTO

SCENA TERZA   Il Notaro e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Il Notaro e detti.

 

NOT.

Comandi.

CON.

(Ditemi il parer vostro:

Vi par che questa donna sarebbe al caso nostro?

È quella ch'io vi dissi, che aver spera il legato). (piano al Notaro)

NOT.

(Buonissima. È il formaggio sui maccheron cascato). (piano al Conte)

CON.

(Come abbiam da dirigerci?) (piano al Notaro)

NOT.

(Difficile non è.

Lasciate ch'io le parli; fidatevi di me). (piano al Conte)

SAN.

Signori, vi sarebbe qualche difficoltà?

Se aveste qualche dubbio sul punto di onestà,

Questa carta leggete. Ecco qui l'attestato

De vita et moribùs, di tutto il vicinato.

CON.

Son di ciò persuaso. col notaro andate.

Fate quel ch'ei vi dice, e non vi dubitate.

SAN.

Sola con quel notaro in camera appartata?

Eh, non avrei paura, se fossi in un'armata.

Andiam. (incamminandosi)

CON.

Così mi piacciono franche le donne e pronte.

SAN.

Ehi! son cento zecchini. (tornando indietro)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License