Carlo Goldoni
Lo spirito di contradizione

AL NOBILE ED ORNATISSIMO CAVALIERE IL SIGNOR AGOSTINO PARADISI PATRIZIO REGGIANO

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

 

AL NOBILE ED ORNATISSIMO CAVALIERE

IL SIGNOR

AGOSTINO PARADISI

PATRIZIO REGGIANO

 

È qualche tempo, Signor mio, e Padrone Veneratissimo, che io desiderava l'onore di conoscervi personalmente, dopo che conosciuto vi avea per riputazione, dopo che avea gustate le vostre amabili Poesie, e dopo le infinite cose che di Voi m'avea dette il nostro amabilissimo Signor Senatore Albergati. Nel mio viaggio in Francia passai espressamente per Reggio, ebbi la fortuna di trattenermi con Voi, e vidi la vostra gentilezza andar del pari col vostro sapere, e che i vostri ragionamenti sono tanto pregievoli quanto le opere della vostra mano. Ho messo bene a profitto il brieve tempo che ho potuto restar con Voi, vi ho lasciato con pena, e sono di partito, pieno di stima per il vostro merito, e di ammirazione per il vostro talento. Oh sa ben egli il Signor Marchese Albergati scegliere gli Amici suoi! Voi siete legati insieme per merito, per virtù, per inclinazione, e vi siete uniti ambidue, per mia gloria, per onor mio, ad amarmi, a proteggermi, ad animarmi. Voi sapete la grazia che l'amico vostro si è degnato accordarmi; sapete ch'ei mi ha permesso di onorar le mie opere col suo nome; spero che Voi ad esempio suo me l'accorderete, e tanto lo spero con sicurezza, ch'io vi presento e vi dedico una mia Commedia, nell'atto medesimo che io vi supplico di accettarla.

Non badate alla qualità dell'offerta, ma all'animo e all'intenzione mia, che ve la afferisce. Vi parlerò schiettamente, con quella verità che è sempre stata, e sarà sempre indivisibile mia compagna. Non ho pensato a scegliere una Commedia per farmi onore con Voi, ma ho pensato soltanto a scegliere un Mecenate che onorasse le opere mie. Se avessi maturamente considerato il vostro grado, la Nobiltà vostra, e il sublime vostro talento, mi sarei lungamente fermato sulla scelta dell'opera, e avrei finito per non trovarne nessuna degna di quest'onore; ma siccome ho posto gli occhi soltanto al vostro carattere dolce, amoroso, gentile, la bontà di cuore (diss'io a me stesso) è disposta a tutto aggradire, ed i grandi uomini non guardano le miserie altrui per minuto.

Voi siete quello che fa onore alla nostra Italia, portando la Poesia principalmente a sì alto grado, che infiniti sono quelli che vi seguitano a dietro, pochi quelli clic vi camminano a fianco, ed è difficile ritrovare chi vi preceda. Le vostre immagini sono divine, robusti e soavissimi i vostri versi, terso ed elegante lo stile, felici gli argomenti, e la dizione chiarissima. Oltre a ciò, Voi avete il dono felicissimo della traduzione; Voi trasportate le opere straniere alla nostra lingua Italiana così giustamente, che nulla togliete loro del merito originale, ma gli accrescete le grazie e la perfezione. Ho letto con ammirazione alcune Tragedie da Voi tradotte, so che siete disposto ad arricchire con esse la litteratura Italiana, lo desidero con avidità, per mio proprio interesse, e per quello de' buoni amatori e conoscitori di cotal genere. Permettetemi che, prima di terminar questa lettera, vi parli di un'altra cosa, che moltissimo m'interessa e mi onora. Voi avete unito nella vostra illustre Città una Compagnia di Giovani dilettanti, che rappresentano delle Tragedie e delle Commedie; questa è una cosa ch'io lodo, e non cesserò mai di lodare, sendo le Teatrali rappresentazioni, castigate e prudenti, il più onesto, il più universale trattenimento; tanto più, se sieno queste da persone bene educate elegantemente eseguite; tanto meglio, se un uomo del vostro talento ne presiede alla direzione. Quello però che maggiormente mi penetra, m'insuperbisce e mi onora si è, che abbiate dato principio ad un sì bell'esercizio con due delle mie Commedie: col Padre per amore e coll'Uomo di mondo. Oh vedete dunque, Signore mio amabilissimo, se con tali sicurezze dell'amor vostro per me, posso io diffidare della vostra bontà, della vostra generosa disposizione ad accettare la Commedia che ora umilmente vi dedico e vi raccomando. Parmi di essere nella mia fiducia tranquillo, e vi rendo anticipatamente le più umili rispettose grazie nell'atto di protestarmi ossequiosamente

 

Di Voi, Nobile ed onoratissimo Cavaliere

 

Umiliss. Devotiss. Obbligatiss. Servitore

Carlo Goldoni


 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License