Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera di Rosaura.

 

Rosaura e Corallina, che lavorano.

 

COR. Questa tela è molto fina, non vi è dubbio ch’ella vi scortichi le carni.

ROS. Il signor Pantalone mi vuol bene, me l’ha comprata di genio.

COR. Certamente è una bella fortuna per voi, che siete senza padre, aver un tutore tanto amoroso.

ROS. Mi ama, come se fossi la sua figliuola.

COR. All’incontro il signor Ottavio, vostro zio, che dovrebbe avere per voi maggior premura, non ci pensa. È un poltrone, ozioso, che non farebbe mai nulla.

ROS. E pur mio padre lo ha lasciato tutore unitamente al signor Pantalone.

COR. Ed egli lascia far tutto a lui. Se aspettate che vostro zio vi mariti, volete aspettare un pezzo.

ROS. Io farò tutto quello che mi dirà il signor Pantalone.

COR. Oh che buona ragazza! In verità, siete una cosa rara. Non parete mai figlia di vostra madre. Ella è stata una testolina bizzarra. Povero suo marito! L’ha fatto morir disperato.

ROS. Mi dicono ch’io somiglio a mio padre.

COR. Sì, era buono, ma un poco troppo. Faceva più a modo degli altri, che a modo suo.

ROS. E anch’io faccio così.

COR. Fate così sempre?

ROS. Sempre.

COR. Quand’è così, starà meglio con voi chi saprà meglio chiedere. (ridendo)

ROS. lo non ti capisco.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License