Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Pantalone, Beatrice e Rosaura

 

PANT. Siora Beatrice, circa le spesette capricciose che volesse far siora Rosaura, poco più, poco manco, lasseria correr, ma no me par necessario che la vaga ela in persona.

BEAT. Oh, signor sì, è necessario. Vogliamo veder noi, vogliamo soddisfarci.

PANT. Ben; se fa vegnir el mercante a casa. Cossa disela, siora Rosaura?

ROS. Per me son contentissima.

PANT. Séntela? Ela la xe contenta. Via, da mare1 savia e prudente, la ghe daga sto bon esempio, la resta in casa e la se lassa servir.

ROS. (Sarà meglio ch’io mi metta a finir la mia manica). (da sé, va a cucire)

BEAT. Signor Pantalone carissimo, mio marito è morto, e non ho altri che mi comandino. In casa mia voglio fare a mio modo, e non ho bisogno di esser corretta.

PANT. Benissimo, ela fazza quel che la vol, mi no ghe penso. Ma sta putta la xe stada raccomandada a mi da so pare. Mi son el so tutor, e mi ho da invigilar per i so interessi, per el so credito e per la so educazion.

BEAT. Circa agl’interessi ve l’accordo; per il resto tocca a me, che sono sua madre.

PANT. Cara siora Beatrice, no la me fazza parlar.

BEAT. Che vorreste dire?

PANT. La compatissa, za nissun ne sente. (la tira in disparte) Ghe toccherave a ela, se la gh’avesse un poco più de prudenza.

BEAT. Io dunque sono imprudente? Viva il cielo! Mio marito non mi ha mai detto tanto.

PANT. Saria stà meggio che el ghe l’avesse dito.

BEAT. Come saria stato meglio?

PANT. Se el ghe l’avesse dito, la s’averave corretto.

BEAT. Mi maraviglio di voi.

PANT. Védela? Se la gh’avesse prudenza, no l’alzerave la ose2. Ela se fa più mal de quel che ghe posso far mi.

BEAT. Ma... in che mi potete voi condannare?

PANT. Cara ela... in cento cosse. Qua se ammette zoventù in casa, senza riguardo che ghe xe una putta; qua se tien conversazion, e se gh’ha gusto che la putta ghe sia. Se vede, e se tase, e mi so cossa che se vede, e mi so cossa che se tase. La putta de bona indole, la xe modesta e un poco rustega3, e questo per ela xe ben, che per altro so siora mare ghe darave dei bei esempi... Basta, lassemo andar. Ma la diga, cara ela, cossa xe sto andar in maschera da tutte le ore? Anca la mattina in maschera? Do donne sole le se petta4 su el so tabariello, e via. Che concetto ha da formar la zente de ela? Vorla far delle spese? O se manda, o se fa vegnir a casa, o se se fa compagnar, no se va sole. Le donne sole no le sta ben, no le par bon. I omeni, co i vede le donne sole, i dise che le va a cercar compagnia. I zira, i tenta, i se esebisse, i la incozza, e po i la venze5; e tante de ste patrone che va fora de casa con una maschera indifferente, le torna a casa con una maschera de poca reputazion.

BEAT. Obbligatissima della sua seccatura. Rosaura, andiamo.

ROS. Che dite, signor Pantalone? Vado o non vado? (s’alza)

PANT. Che premura ghaveu d’andar?

ROS. Mi vuol comprare un goliè...

PANT. Un goliè? De che sorte?

BEAT. (Oh che uomo fastidioso! Vuol saper tutto). (da sé)

ROS. Un goliè color di rosa, con fiori d’argento.

PANT. Via, ancuo dopo disnar6 ve lo porterò mi.

ROS. Oh, quand’e così, signora madre, non vengo altrimenti, vado a terminar la mia manica. (siede)

BEAT. Come? Così obbedisci la madre?

ROS. Ma se...

PANT. Orsù, qua mo no posso taser. Se tratta de massima, se tratta de una falsa educazion. Coss’è sto confonder el debito dell’obbedienza con quello della modestia? I fioi i ha da obbedir so pare e so mare, co i ghe comanda cosse lecite, cosse bone. Se i genitori xe matti, poveri quei fioli che per malizia o per semplicità li obbedisce. La se vol menar in maschera, la se vol viziar a un cattivo costume, e perché, conseggiada dal so tutor, la resiste, se dirà che la disobbedisce so mare? Sì, in ste cosse mi ve fazzo coraggio a farlo; e in fazza del cielo, e in fazza del mondo, sostegnirò che la vostra no xe disubbidienza, ma prudenza e virtù, che a longo viazzo7 farà vergognar chi no cognosse el debito d’una mare, chi no distingue el pericolo d’una fia. (a Rosaura)

BEAT. Orsù, andate a fare il pedante in casa vostra.

PANT. Vegno qua, e parlo, e me scaldo, perché gh’ho debito de invigilar su sta putta.

BEAT. Voi non siete il solo tutore di Rosaura; vi è il signor Ottavio mio fratello, e suo zio, ch’è tutore testamentario tanto quanto siete voi.

PANT. Xe vero, ma el xe un omo che no ghabbada, che lassa correr, che lassa far. E se lassasse far a elo, tutte le cosse le anderia a precepizio.

BEAT. Mio fratello non è un balordo.

PANT. L’è un omo de garbo, ma nol vol far gnente.

BEAT. Che cosa ha da fare?

PANT. L’ha da far quello che fazzo anca mi.

BEAT. Voi non siete buono ad altro, che ad infastidir le persone.

PANT. Oh, vorla che ghe la diga? Con ela no voggio più aver da far. La venero e la rispetto, ma la me farave perder la pazienza. Siora Rosaura xe sotto la mia tutela, penserò mi a logarla8, fin che la se marida.

BEAT. Come? Fareste a me questa ingiuria? Mi levereste la mia figliuola? Giuro al cielo! La mia figliuola...

PANT. Le putte no le se mena in maschera tutto el zorno.

BEAT. A me un affronto simile?

PANT. Alle fie9 se ghe dei boni esempi.

BEAT. Oh cielo! levarmi la mia figliuola! Rosaura, andereste da me lontana?

ROS. Oh, io fo la mia manica, e non so altro.

BEAT. Giuro al cielo! Ve ne pentireste. (a Pantalone)

PANT. (Canta, canta). (da sé)

BEAT. Parlerò, ricorrerò, anderò alla Giustizia.

 

 

 





p. -
1 Madre.



2 Voce



3 Rustica.



4 Si mettono.



5 Insistono, e poi la vincono.



6 Oggi dopo pranzo.



7 A lungo andare.



8 A collocarla.



9 Figliuole.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License