Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO PRIMO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Corallina e detti.

 

PANT. E cussì? Vienlo o no vienlo?

COR. Ho fatto una fatica terribile a levarlo dalla sua poltrona. Ora viene.

PANT. Mo una gran poltroneria!

COR. (Signora Rosaura, venite con me, che la signora madre vi aspetta). (piano a Rosaura)

ROS. Vengo.

PANT. Coss’è? Dove andeu?

ROS. Vado...

COR. È venuta la sarta, che le ha da provar un busto.

ROS. È venuta la sarta? (a Corallina)

COR. Sì, la sarta, andiamo. (Oh che gnocchetta!) (da sé)

ROS. Ma che busto mi ha da provare? (a Corallina)

COR. Il busto color di rosa, colla guarnizione (col diavolino che vi porti). (piano a Rosaura)

ROS. Andiamo. Io non so nulla.

PANT. Come! No la sa gnente! Chi ghe lo fa sto busto?

COR. Sua madre, sua madre. Sì, sua madre. (parte, conducendo Rosaura)

PANT. Basta, no me fido gnanca de sta cameriera. La tirerò via de qua, la metterò in liogo seguro... Oh manco mal, xe qua el sior Ottavio... Via bel bello, senza pressa16.

 

 

 





p. -
16 Fretta.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License