Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Arlecchino colla pipa, e detti.

 

OTT. Da’ qua la mia pipa. (si mette a fumare)

PANT. Via, sior; andè via, che avemo da descorrer. (ad Arlecchino)

ARL. Discorrè pur: cossa m’importa a mi?

PANT. Ma vu no ghavè da esser.

ARL. Fe cont che no ghe sia.

PANT. Sior Ottavio, fe andar via costù.

OTT. Oh!

PANT. Orsù: za che vedo che no v’importa, che no ghavè fin de reputazion, vago via...

OTT. Aspettate, siate un poco più flemmatico; siete troppo furioso, morirete presto.

PANT. Co volè che parla, no vôi costù presente.

OTT. Va via. (ad Arlecchino)

ARL. Ho da desparecchiar.

OTT. Va via.

ARL. Ho da far el letto.

OTT. Va via.

PANT. E co sta flemma ghel disè?

OTT. Non voglio alterarmi.

PANT. Me deu licenza che el manda via mi?

OTT. Sì, fate voi.

PANT. Va via, va via, va via. (a calci lo caccia via)

OTT. (Ride) Bravo, ma io non l’avrei fatto.

PANT. No? Perché?

OTT. Per paura di slogarmi una gamba. (segue a fumare)

PANT. Sior Ottavio, qua bisogna remediarghe. Sappiè, e lo digo colle lagreme ai occhi, che Lelio mio fio ha fatto sta iniquità.

OTT. Oh! (fumando)

PANT. Spero che no ghe sarà gnente de mal, perché ghe xe la cameriera, e po no ghe daremo tempo. Ho mandà subito i mi barcaroli a veder, a cercar, e ho mandà altre quattro persone, acciò i me sappia dir da che banda i xe andai, dove che i se pol trovar: ma bisogna che anca nu se demo le man intorno. Presto, sior Ottavio, vestive, andemo fora de casa.

OTT. Aspettate ch’io finisca di fumar questa pipa.

PANT. Eh, che no ghe xe tempo da perder. Animo, destrigheve, vestive.

OTT. Avete la gondola?

PANT. Sì ben, gh’ho la gondola. Caro vu andemo.

OTT. Che cosa dice mia sorella?

PANT. A ela no gh’ho dito gnente, che mio fio ha fatto la baronada. Ve prego, caro amigo, anca vu, se podemo, salvemo la reputazion della putta, e la vita de quel povero desgrazià. Mo via, destrigheve per carità.

OTT. Ecco, la pipa è finita: sarete contento.

PANT. Sia ringrazià el cielo. Via, vestive.

OTT. Ehi. ()

PANT. Via, voleu che ve agiuta mi?

OTT. Oibò. Ehi. (chiama)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License