Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Brighella e detti.

 

BRIGH. Signor.

OTT. Mi voglio vestire.

BRIGH. (Oh che miracolo!) (da sé) Vólela lavarse le man?

OTT. Eh, non importa.

BRIGH. (L’è do mesi che nol se le lava). (da sé)

OTT. Dov’è Arlecchino?

BRIGH. L’è andà via brontolando, e no so dove el sia.

OTT. Tu solo non mi potrai vestire.

PANT. Mo via, destrigheve. Cossa ghe vol a vestirve? Ve aiuterò anca mi.

BRIGH. Mi no gh’ho pratica. La perdona: dove tienla le scarpe?

OTT. Saranno sotto il letto.

PANT. Presto, caro vu, che preme. (a Brighella)

BRIGH. (Porta scarpe vecchie affibbiate) Ele queste?

OTT. Sì, queste.

BRIGH. Come s’ha da far a metterle?

OTT. Oh, io non le tiro mai su le scarpe; patisco de’ calli. (si mette le scarpe a pianta)

PANT. Cussì faremo più presto.

BRIGH. Vólela la velada?

PANT. Oibò, metteve su el tabarro.

OTT. Sì, dite bene. Il tabarro.

BRIGH. Dov’elo?

OTT. Sarà sul letto.

BRIGH. El tabarro per coverta. (lo va a prender)

PANT. Via, leveve suso.

OTT. Aspettate. (Brighella viene col tabarro) Dammi mano. (a Brighella)

BRIGH. Son qua.

OTT. Anche voi. (a Pantalone)

PANT. Oh che pazienza! (Ottavio si leva e gli mettono il tabarro)

BRIGH. Vólela la perucca?

OTT. Quanto mi spiace a levarmi la mia berretta! Sì, dammi la parrucca.

BRIGH. Dov’ela?

OTT. Io non lo so.

PANT. Tolè, adesso no se troverà la perucca.

OTT. Aspetta... credo sia caduta dietro la seggetta.

BRIGH. A profumarse. (la va a prendere)

OTT. È tanto che non l’adopero! (a Pantalone)

PANT. (Debotto no posso più. Ma se vago via mi, costù no se parte più de casa). (da sé)

BRIGH. Ho trovà la perucca. (porta la parrucca tutta arruffata)

OTT. Oh, bravo!

BRIGH. Vólela che ghe daga una pettenada?

OTT. Eh, non importa.

PANT. Destrighemose. (con furia)

OTT. Siete un uomo molto furioso.

PANT. E vu molto flemmatico. (intanto Brighella gli leva la berretta, e gli mette la parrucca)

BRIGH. El cappello dov’elo?

OTT. È fra il capezzale ed il muro.

BRIGH. Una bella cappelliera!

OTT. Ma guarda bene, che dentro vi sono delle mele.

BRIGH. Dove vólela che le metta?

OTT. Sotto il capezzale. La mattina mi diverto. (a Pantalone)

PANT. Oh che pazienza!

BRIGH. La toga el cappello. (gli un cappello straccio)

PANT. Oh, andemio?

OTT. La mia scatola. (a Brighella)

BRIGH. Dov’ela?

OTT. Sulla poltrona.

BRIGH. La toga. (gli la scatola)

PANT. Andemo.

OTT. Il fazzoletto. (a Brighella)

PANT. Oh poveretto mi!

BRIGH. Dov’elo?

OTT. L’ho qui, l’ho qui. (se lo trova in seno)

PANT. Xela fenia? Andemio?

OTT. Non andate in collera. Poco più, poco meno, son qui; quanto ci ho messo a vestirmi? Un mezzo quarto d’ora.

PANT. Sia ringrazià el cielo; andemo una volta.

BRIGH. Signori, gh’è uno che domanda el sior Pantalon.

PANT. Chi xelo?

BRIGH. Mi no lo cognosso.

PANT. Felo vegnir avanti.

BRIGH. Subito. (via)

PANT. Chi mai pol esser questo? Chi sa che nol sia qualcun che me porta la niova d’aver trovà vostra nezza?

OTT. Può essere. (siede sulla poltrona)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License