Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO SECONDO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Lelio e dette.

 

LEL. (Bravissima, ho sentito tutto). (piano a Corallina)

COR. Signor Lelio, giacché avete avuto la carità di scoprirci ogni cosa, se vi sentite di soccorrere questa povera sfortunata, e sposarla, ella è pronta a darvi la mano.

LEL. Non so che dire: sarò fortunato, se potrò assicurare la sua e la mia felicità.

ROS. (Piange)

COR. Via, rispondetegli.

LEL. La compatisco, è confusa, si rasserenerà.

COR. Lo volete per vostro sposo? (Rosaura piange) Dite sì, o no.

ROS. Sì. (mestamente)

COR. E voi, signor Lelio, volete per vostra sposa la signora Rosaura?

LEL. Sì, certamente.

COR. Via, datevi la mano.

LEL. Eccola, mia cara.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License