Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO SECONDO

SCENA VENTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTESIMA

 

Pantalone e Lelio

 

PANT. Tocco d’infame! tocco de desgrazià! Sastu per cossa che son restà indrio? Per cossa che me son fermà in sta camera? Ti crederà per criarte, per manazzarte, per rimproverarte delle to iniquità. No, sto mistier l’ho fatto abbastanza, son stuffo de farlo e in do parole me sbrigo. Questa xe l’ultima volta che ti vedi to pare. Va, che el cielo te benediga. Arrecordete de quel che ti m’ha fatto passar. S’el cielo te darà desgrazie, se ti patirà, se ti pianzerà, arrecordete de to pare e di’: Adesso sconto le lagreme e i patimenti che gh’ho fatto soffrir. No te vôi più rimproverar, no te vôi più dir gnente: el xe fià28 buttà via, el xe tempo perso. I groppi xe vegnui al pettene, e no gh’è più remedio. Adesso ti dirà in tel to cuor: Cossa sarà de mi? Gnente a quel che ti meriti, ma tanto che basterà a castigarte. Menar via una putta? Sassinar una mia pupilla? Ah, questo me passa el cuor! Fio indegno, fio desgrazià! Vame lontan dai occhi, come te mando lontan dal cuor. Ah, volesse el cielo che te podesse allontanar anca dalla memoria! Ma pur troppo ti sarà fin che vivo el mio tormento, el mio rossor, la mia desperazion, la mia morte. (piange)

LEL. Ah caro padre...

PANT. Via, furbazzo; indegno de nominar el nome de pare. (parte)

LEL. Oh me infelice! che cosa sarà di me? Anderò lontano da mio padre? Dove? Come? Mille timori mi assaliscono. Oh donne! oh donne! E quell’indegna di Corallina mi ha mangiati i denari, e poi ancora m’insulta? Ah, ch’io son disperato! Vadasi incontro ad ogni avverso destino. (parte)






p. -
28 Fiato.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License