Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Florindo e Pantalone

 

FLOR. Signor Pantalone, la riverisco divotamente.

PANT. Servitor umilissimo.

FLOR. Vorrei pregarvi d’una grazia.

PANT. La comandi. In cossa possio servirla?

FLOR. Voi siete il tutore della signora Rosaura.

PANT. Per servirla.

FLOR. Perdonate se a troppo mi avanzo. Sareste voi in disposizione di maritarla?

PANT. Perché no? Volesse el cielo che ghe capitasse una bona fortuna. La putta xe in un’età discreta. De bontae no ghe xe fursi la so compagna. La gh’ha de dota quattordese mille ducati; la xe de bon parentà; chi la tolesse, no faria cattivo negozio. (Magari che el la volesse elo! So chi l’è; ghe la daria con tanto de cuor). (da sé)

FLOR. (Qui bisogna farsi coraggio). (da sé) Signor Pantalone, io sono uno che non ha amici di confidenza, perché vivo a me stesso, e poco pratico. Le cose mie le faccio da me, quando posso, onde mi prendo l’ardire di chiedervi io stesso la signora Rosaura in consorte.

PANT. (Oh cielo, te ringrazio!) (da sé)

FLOR. Credo che mi conosciate bastantemente...

PANT. No la diga altro, caro sior Florindo. So chi la xe, son informà della so nascita, e del stato della so casa. Ho cognossù so sior pare e so sior barba31, zentilomeni veronesi de tutta stima e de tutta bontà. Accetto con tutto el contento la richiesta che la me fa de sta putta, e qua su do piè, da galantomo, da omo d’onor, ghe prometto che la sarà so muggier.

FLOR. Potete voi compromettervi della di lei volontà?

PANT. Me posso comprometter, so quel che digo, cognosso la bontà della putta, e po el merito de sior Florindo xe una bona lettera de raccomandazion.

FLOR. Voi mi consolate. Credetemi ch’io l’amo teneramente.

PANT. La senta, per ogni bon riguardo, anderò a dirlo alla putta, e ghe lo dirò anca a so siora mare...

FLOR. E se la madre non volesse?

PANT. Oh, circa la mare me ne rido. Ghe lo dirò per rispetto, ma co xe contenta la putta, fazzo conto che sia fatto tutto.

FLOR. E suo zio?

PANT. El lo saverà, el fa tutto quel che digo mi. Ma la senta, sior Florindo, la s’ ben che semo omeni, e no semo puttelli; se la putta se contenta, no trovemo radeghi32, no se pentimo.

FLOR. Sono un uomo d’onore, non son capace di male azioni.

PANT. Me dala parola?

FLOR. Vi do parola.

PANT. Vago subito.

 

 

 





p. -
31 Zio.



32 Imbrogli.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License