Carlo Goldoni
L'amante militare

ATTO TERZO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Rosaura e Beatrice

 

ROS. Quel don Garzia è un uomo troppo precipitoso.

BEAT. Don Alonso ha poco giudizio.

ROS. Don Garzia lo ha provocato.

BEAT. Don Alonso gli ha perso il rispetto.

ROS. Difendetelo, che avete ragion di farlo.

BEAT. Finalmente è mio sposo.

ROS. Sì, uno sposo che vi tratta con un eccesso d’amore.

BEAT. I militari non sogliono far carezze.

ROS. Credo che anch’essi le sappian fare, quando amano.

BEAT. Voi lo saprete meglio di me.

ROS. No, signora. Non ne ho praticati tanti, quanti voi.

BEAT. Avranno conosciuto il vostro poco spirito.

ROS. Perché conoscono che voi siete spiritosa, vi strapazzano.

BEAT. Olà; parlate con rispetto.

ROS. Io sono nelle mie camere. Se non vi piace, quella è la porta per dove si esce.

BEAT. Lo saprà don Garzia.

ROS. Sappialo anche don Satanasso.

BEAT. (Se non mi vendico, possa morire). (da sé, parte)

ROS. Oh degna sposa di don Garzia! (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License