Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Brighella e detti.

 

BRIGH. Sior Pantalon, l’è domandà.

PANT. Chi me vol?

BRIGH. El sior Florindo Aretusi.

PANT. Diseghe che el resta servido. Se contentela? (a Beatrice)

BEAT. Sì, venga, ho piacere di vederlo. (Gli darò gusto) (da sé)

PANT. Felo vegnir, e po andè da sior Ottavio, e diseghe che l’aspettemo.

BRIGH. La sarà servida. (parte)

PANT. Un partìo meggio de questo mi no saveria dove andarlo a cercar.

BEAT. Sì, buono! (con ironia)

PANT. Cossa ghe trovela de mal?

BEAT. Niente. (Florindo non ha creanza; chi non stima la madre, non merita la figliuola). (da sé)

PANT. El xe vegnù a tempo, no se lo lassemo scampar.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License