Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO TERZO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Lelio e detti.

 

LEL. Signor Florindo...

PANT. Ah infame! Ah scellerato! Qua ti xe?

LEL. Ascoltatemi, signor padre, ascoltatemi, signor Florindo: io non son reo che di un semplice tentativo. La signora Rosaura è innocente; e per prova della verità, e per risarcimento di qualunque menoma macchia possa io avere inferita al decoro di questa onesta fanciulla, son pronto a dar la mano di sposo alla signora Beatrice.

PANT. (Oh che galiotto!) (da sé)

FLOR. Non niego, che ciò non potesse contribuire alla riputazione della figliuola.

PANT. (In t’un caso simile bisogna rischiar tutto). (da sé) Cossa dise siora Beatrice?

BEAT. Ah! Voi mi vorreste far fare un gran sagrifizio...

PANT. Chi è de ?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License