Carlo Goldoni
Il ritorno dalla villeggiatura

ATTO PRIMO

Scena Prima. Leonardo, poi Cecco

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

Scena Prima. Leonardo, poi Cecco

 

Camera in casa di Leonardo.

 

LEONARDO: Tre giorni ch'io son tornato in Livorno, e la signora Giacinta e il signor Filippo non si veggiono. Mi hanno promesso, s'io non ritornava subito a Montenero, che sarebbero qui rivenuti bentosto, e non vengono, e non mi scrivono, e ho loro scritto, e non mi rispondono. La mia lettera l'avranno ricevuta ieri. Oggi dovrei aver la risposta. Ma l'ora è passata; dovrei averla già avuta. Se non iscrivono, probabilmente verranno.

CECCO: Signore.

LEONARDO: Che cosa c è?

CECCOdomandato.

LEONARDO: E da chi?

CECCO: È un giovane che ha una polizza in mano. Credo sia il giovane del droghiere.

LEONARDO: Perché non dirgli ch'io non ci sono?

CECCO: Gliel'ho detto ieri e l'altr'ieri, com'ella mi ha comandato: ma vedendolo venire tre o quattro volte il giorno, è meglio ch'ella lo riceva, e lo spicci poi come vuole.

LEONARDO: Va, digli che ho dato ordine a Paolino che saldi il conto. Che aspettasi a momenti da Montenero, e subito che sarà ritornato, lo salderà.

CECCO: Sì, signore. (Parte.)

LEONARDO: Ah! le cose mie vanno sempre di male in peggio. Quest'anno poi la villeggiatura mi è costata ancor più del solito.

CECCO: Signore, è qui quello della cera.

LEONARDO: Ma bestia, perché non dirgli che non ci sono?

CECCO: Ho detto secondo il solito: vedrò se c'è, non so se ci sia; ed egli ha detto: se non c'è, ho ordine di aspettarlo qui fin che torna.

LEONARDO: Questa è un'impertinenza. Digli che lasci il conto, che manderò al negozio a pagarlo.

CECCO: Benissimo, glielo dirò. (Parte.)

LEONARDO: Pare che costoro non abbiano altro che fare; pare che non abbiano pan da mangiare. Sono sempre coll'arco teso a ferire il cuore de' galantuomini che non hanno con che pagare.

CECCO: Anche questi se n'è andato poco contento, ma se n'è andato. Ecco il conto. ( il conto a Leonardo.)

LEONARDO: Sieno maledetti i conti. (Straccia il conto.)

CECCO: (Conto stracciato, debito saldato).

LEONARDO: Va un po' a vedere dal signor Filippo, se fossero per avventura arrivati.

CECCO: La servo subito. (Parte.)

LEONARDO: Sono impazientissimo. In primo luogo per l'amore ch'io porto a quell'ingrata, a quella barbara di Giacinta; secondariamente, nello stato in cui sono, l'unico mio risorgimento potrebbe essere la sua dote.

CECCO: Signore...

LEONARDO: Spicciati; perché non vai dove ti ho mandato?

CECCO: Vi è un'altra novità, signore.

LEONARDO: E che cosa c è?

CECCO: Osservi. Una citazione.

LEONARDO: Io non so niente di citazioni. Io non accetto le citazioni: che la portino al mio procuratore.

CECCO: Il procuratore non è in città.

LEONARDO: E dov'è andato?

CECCO: È andato in villeggiatura.

LEONARDO: Cospetto! anche il mio procuratore in villeggiatura? Abbandona anch'egli per il divertimento gl'interessi propri e quelli de' suoi clienti! Io lo pago, gli do il salario, lascio di pagare ogni altro per pagar lui, fidandomi ch'ei m'assista, ch'ei mi difenda; e quando preme, non c'è, non si trova, è in villeggiatura? A me una citazione? Dov'è il messo che l'ha portata?

CECCO: Oh! il messo è partito. L'ha consegnata a me; ha notato nel suo libretto il mio nome, ed è immediatamente partito.

LEONARDO: Io non so che mi fare, aspetterò che torni il procuratore. Orsù, affrettati. Va a vedere se son tornati.

CECCO: Vado immediatamente. (Parte.)

LEONARDO: Sempre guai, sempre citazioni, sempre ricorsi. Ma giusto cielo! s'io non ne ho. E mi vogliono tormentare, e vogliono obbligarmi a quel ch'io non posso fare. Abbiano un po' di pazienza, li pagherò. Se sarò in istato di poterli pagare, li pagherò.

CECCO: Signore, nello scendere le scale ho incontrato appunto il servitore del signor Filippo, che veniva per dar parte a lei ed alla signora Vittoria che sono ritornati a Livorno.

LEONARDO: Fallo venire innanzi.

CECCO: È partito subito. Mi ha fatto vedere una lista di trentasette case, alle quali prima del mezzogiorno ha da partecipare l'arrivo loro.

LEONARDO: Portami il cappello e la spada.

CECCO: Sì, signore. (Parte.)

LEONARDO: Sono impazientissimo di riveder Giacinta. Chi sa qual accoglimento mi farà ella in Livorno, dopo le cose occorse in campagna? Guglielmo tuttavia differisce a far la scritta con mia sorella. Sono in un mare d'agitazioni, e di più mi affliggono i debiti, mi tormentano i creditori.

CECCO: Eccola servita. (Gli la spada e il cappello.)

LEONARDO: Guarda se c'è nessuno in sala, o per le scale, o in terreno.

CECCO: Sì, signore. (Parte.)

LEONARDO: Ho sempre timore d'incontrar qualcheduno che mi faccia arrossire. Converrà, per andare dal signor Filippo, che allunghi la strada il doppio, per non passare dalle botteghe de' creditori.

CECCO: Signore, vi sono due che l'aspettano.

LEONARDO: M'aspettano? Sanno eglino che ci sono?

CECCO: Lo sanno, perché quello sciocco di Berto ha detto loro che c'è.

LEONARDO: E chi sono costoro?

CECCO: Il sarto e il calzolaio.

LEONARDO: Licenziali; fa che vadano via.

CECCO: E che cosa vuole ch'io loro dica?

LEONARDO: Di' tutto quello che vuoi.

CECCO: Non potrebbe dar loro qualche cosa a conto?

LEONARDO: Mandali via, ti dico.

CECCO: Signore, è impossibile. Costoro me l'hanno fatta dell'altre volte. Sono capaci di star qui fino a sera.

LEONARDO: Hai tu le chiavi della porticina segreta?

CECCO: Sono sulla porta, signore.

LEONARDO: Bene; andrò per di .

CECCO: Badi che la scala è oscura, è precipitosa.

LEONARDO: Non importa; voglio andar via per di .

CECCO: Sarà piena di ragnatele, si sporcherà il vestito.

LEONARDO: Poco male; non preme. (In atto di partire.)

CECCO: E vuol che stieno colà ad aspettare?

LEONARDO: Sì, che aspettino fin che il diavolo se li porti. (Parte.)


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License